Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Roma, le Ooss si mobilitano per la ripresa del gioco legale

  • Scritto da Anna Maria Rengo

I lavoratori di casinò e sale giochi, bingo e scommesse assieme per la ripresa in sicurezza dell'attività.

"Più di 150mila lavoratori dipendenti del settore del gioco legale, della distribuzione specializzata, delle sale bingo, delle case da gioco, delle sale scommesse e gaming halls sono in zona rossa dall’inizio della pandemia". Lo ricordano in una nota congiunta i sindacati nazionali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, che evidenziano come "qualsiasi colore abbia avuto il resto d’Italia, anche se altri settori hanno aperto, i lavoratori del settore gioco legale sono stati bloccati, senza nessuna possibilità di tornare al lavoro. Migliaia di persone che vogliono soltanto avere gli stessi diritti di altri lavoratori di settori come la ristorazione. Non vogliono essere più ignorati".
A tale proposito, domani 26 marzo si svolgerà l'assemblea nazionale dei lavoratori per discutere sulla mobilitazione e manifestazione per una ripresa del gioco legale, e a seguire ci sarà un incontro con la stampa cui prenderanno parte per Filcams Cgil i responsabili nazionali Danilo Lelli e Luca De Zolt, per Fisascat Cisl il responsabile nazionale Marco Demurtas e per Uiltucs il responsabile nazionale Paolo Proietti.

Da precisare che la rappresentanza sindacale dei dipendenti del gioco è diversa tra i casinò e gli altri settori. I dipendenti dei casinò sono infatti rappresentati, per quanto riguarda la Cgil, dall'Slc, e per quanto riguarda la Uil, dalla Uilcom. In casa Cisl, la rappresentanza dei lavoratori dell'intero settore gioco è del sindacato di categoria Fisascat.

Inoltre, nella giornata di domani ci sarebbe dovuta essere una manifestazione di piazza a Roma, ma il peggiorare delle condizioni pandemiche e il fatto che il Lazio sia entrato in zona rossa hanno portato alla decisione di rinviarla, ma di tenere comunque l'assemblea e, successivamente, la conferenza stampa online.

 

Share