Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Cisl: 'Casinò Sanremo, battaglia per occupazione ed equilibrio Comune'

  • Scritto da Anna Maria Rengo

La Fisascat Cisl evidenzia le finalità dell'incontro tenuto con Regione, Comune e azienda e avente per oggetto la riapertura del Casinò di Sanremo.

"Una strategia volta ad indirizzare, attraverso il tavolo Stato-Regione, un documento condiviso con il Casinò di Venezia per riuscire a stralciare la posizione dei Casinò, che si trovano sotto l’egida e il controllo del ninistero degli Interni, dal calderone del gioco diffuso il cui riferimento è da attribuirsi all’Agenzia delle Dogane.
Questo documento nasce dall’esigenza di poter riaprire al più presto aziende che hanno istituito protocolli sanitari stringenti, che sono radicate nel tessuto economico e produttivo del loro territorio e che contribuiscono ai bilanci dei loro Comuni di riferimento.
Questa è una battaglia per la salvaguardia occupazionale e per l’equilibrio finanziario del nostro Comune".

Con queste parole la Fisascat Cisl, per voce del segretario aziendale Marilena Semeria e di quello territoriale Massimiliano Scialanca, spiega quanto è stato concordato nella riunione organizzata "al fine di salvaguardare la posizione della Casa da gioco sanremese da questa grave situazione di crisi legata all’emergenza Covid".

Promossa dal sindacato di categoria, vi hanno preso parte, come noto, l'assessore regionale Gianni Berrino, il sindaco Alberto Biancheri, i membri del Cda Adriano Battistotti, Giancarlo Ghinamo e Barbara Biale, il segretario della Uilcom Uil Enzo Cioffi Enzo e il segretario dello Snalc Cisal Dario Del Tufo Dario, mentre la delegazione della Fisascat era formata, oltre che da Semeria e Scialanca, dal vicesegretario sas Barbara Pesce.

Come si legge in una nota, "il documento sarà aperto alla condivisione di tutte le organizzazioni sindacali del Casinò di Sanremo".

Share