Logo

Ugl a Governo e Regioni: 'Rischio abusività dopo chiusura casinò'

Il segretario nazionale dell'Ugl Terziario, Luca Malcotti, chiede un incontro urgentissimo a Governo e Regioni sulla chiusura dei casinò.

Il mondo sindacale si mobilita dopo la chiusura dei casinò italiani. Dopo la missiva di Slc Cgil, Fisascat Cisl e Uilcom Uil, anche l'Ugl Terziario, per voce del segretario nazionale Luca Malcotti, scrive al premier Giuseppe Conte, al ministro dell'Economia Roberto Gualtieri, al sottosegretario al Mef Pier Paolo Baretta e ai governatori della Regione Veneto Luca Zaia, Valle Aosta Eric Lavevaz e Liguria Giovanni Toti, per chiedere "un incontro urgentissimo in relazione alle problematiche determinate dall’ultimo Dpcm che, tra l’altro, determina la chiusura delle sale da gioco di Venezia, Saint Vincent e Sanremo".

L’ulteriore blocco delle attività produttive, scrive Malcotti, "è stato deciso dal Governo nonostante nei mesi scorsi siano state adottate misure che garantiscono oggettivamente gli standard concordati di sicurezza sanitaria (da Protocollo Covid-19), sia nei confronti dell’utenza che dei lavoratori. I Casinò garantiscono inoltre che le attività di gioco si svolgano in totale legalità e nel rispetto delle normative vigenti in materia di antiriciclaggio ed è evidente il rischio che tali attività si svolgano in maniera abusiva, con tutte le conseguenze del caso".

Malcotti ritiene dunque "necessario un confronto sulla tematica esposta e sulle misure necessarie a salvaguardare i lavoratori e le aziende del settore".

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552, Tutti i diritti riservati