Logo

Ptcp Campione: Comune corregge le disposizioni su controllori Casinò

Pubblicato il Piano triennale della prevenzione e della corruzione del Comune di Campione, da aggiornare le norme sul Casinò.

Sarà necessaria una correzione dei refusi, peraltro già segnalata agli uffici competenti, dopo che sull'albo pretorio del Comune di Campione d'Italia è stata pubblicata il 27 gennaio (con fine pubblicazione l'11 febbraio) la delibera della giunta comunale del 31 marzo 2021 con cui si approva il Piano triennale di prevenzione della corruzione 2021-2023. Il piano è allegato alla deliberazione  e al secondo capitolo "contesto interno", ci si sofferma anche sul Casinò.

Nel testo si evidenzia che "in considerazione della collocazione geografica derivante dall’essere 'territorium clausum', il Comune di Campione d’Italia s’è sempre adoperato per consentire che gli insediamenti abitativi di cittadini campionesi nel territorio svizzero circostante avvenissero senza che gli stessi fossero costretti a tagliare ogni rapporto con l’Italia: da qui la particolare attenzione e la cura riservate anche agli interessi dei cittadini iscritti nel registro anagrafico Aire e residenti nei Comuni del limitrofo Canton Ticino ma legati a Campione d’Italia per origini o per attività lavorativa presso la Casa da gioco municipale o il Comune".

L'allegato originario, che sarà a breve modificato, prevedeva con riferimento "al Casinò municipale, la più grande Casa da Gioco europea, struttura attorno alla quale ruota l’intera economia dell’enclave e tramite i proventi della quale il Comune di Campione d’Italia è in grado di sostenere le maggiori spese descritte nei paragrafi precedenti e raggiungere il pareggio di bilancio" che "è necessario evidenziare che sono oltre 40 i dipendenti comunali (funzionari e istruttori direttivi) destinati alle operazioni di controllo del gioco e della correttezza del calcolo dei proventi durante l’orario di apertura al pubblico del Casinò".

Si tratta, con tutta evidenza, di disposizioni contenute nella parte illustrativa non più corrispondenti alla realtà, e che facevano parte del "vecchio" piano triennale. L'Anac (l'Autorità nazionale anticorruzione) dopo aver registrato, “specie per i comuni molto piccoli”, la difficoltà ad adottare, anno per anno, un nuovo e completo Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e per la Trasparenza, ha infatti ritenuto, con deliberazione n. 1074/2018, che "i comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, in ragione delle difficoltà organizzative dovute alla loro ridotta dimensione, e solo nei casi in cui nell’anno successivo all’adozione del Ptcp non siano intercorsi fatti corruttivi o modifiche organizzative rilevanti, possano provvedere all’adozione del Ptcp con modalità semplificate”.

La gestione dei controlli al Casinò Campione, che ha finalmente riaperto i battenti il 26 gennaio scorso, è infatti ora disciplinata diversamente, come spiegato recentemente a Gioconews.it dal sindaco di Campione Roberto Canesi.

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552, Tutti i diritti riservati