Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Veneto in zona bianca, la soddisfazione della politica

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Il governatore Luca Zaia ufficializza l'ingresso della regione Veneto in zona bianca: dal 7 giugno riprendono le attività, giochi e casinò compresi.

“È ufficiale: Veneto zona bianca”. Lo scrive sulla sua pagina Facebook il governatore della Regione, Luca Zaia, nel postare anche l'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza con la quale si dispone, “sentiti i presidenti delle Regioni Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto” che “allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus Sars Cov-2, fermo restando quanto previsto dal decreto del presidente del consiglio dei ministri 2 marzo 2021, nelle Regioni Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto si applicano le misure di cui alla cosiddetta 'zona bianca' nei termini di cui al decreto legge 18 maggio 2021, numero 65, secondo il documento recante 'Indicazioni della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome sulle zona bianche del 26 maggio 2021, monitorate dal tavolo tecnico di cui all'articolo 7, comma 2, del richiamato decreto del presidente del consiglio dei ministri 2 marzo 2021”.

L'ordinanza “produce effetti dal primo giorno non festivo successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale”, dunque, considerando che sarà pubblicata oggi 5 giugno, da lunedì 7. Grazie all'ordinanza di Speranza, e a quella annunciata da Zaia, anche il casinò di Venezia potrà riaprire a far data da lunedì prossimo.

Dan parte sua, Zaia ha già emanato l'ordinanza che prevede che "ferma restando l'applicazione delle misure di prevenzione sanitaria di cui alla normativa nazionale e alle Linee guida per la riapertura delle attività economiche e sociali, predisposte dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome", dal "7 giugno 2021 su tutto il territorio regionale è prevista l'anticipazione delle date di ripartenza, rispetto a quelle previste dal decreto legge 52/2021 e dal decreto legge 65/2021", per diverse attività, tra cui "sale giochi e scommesse, sale bingo e casinò", ma anche "parchi tematici e di divertimento, anche temporanei".

 

Share