Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il tema casinò all'attenzione del ministro Gualtieri

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Incontro tra il ministro dell'Economia e il senatore Lanièce, sotto la lente anche l'importanza occupazionale dei casinò.

Tanti temi importanti per la Valle d'Aosta, al centro dell'incontro tra il ministro dell'Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri e il senatore del Gruppo per le Autonomie Albert Lanièce, avvenuto dopo il difficile e lungo dibattito, a Palazzo Madama, che ha preceduto il voto di fiducia al Governo Conte 2.

Il confronto diretto, finalizzato, rende noto Lanièce, a "fare avere un aiuto all’economia valdostana" è stato anche "l’occasione per rimarcare l’importanza della nostra Casa da gioco di Saint-Vincent: un pezzo importante della nostra economia, nell’ambito delle iniziative che sono previste per far ripartire il Paese".
Al ministro Gualtieri, aggiunge Lanièce, "ho sottoposto anche il tema dei casinò vista la loro importanza dal punto di vista occupazionale e tenendo conto che sono strutture dove i protocolli sanitari possono essere garantiti in modo puntuale, con personale dedicato".

Nei giorni scorsi, assieme ai colleghi del Pd Vito Vattuone e Andrea Ferrazzi, il senatore valdostano ha presentato una interrogazione al ministro chiedendo di assumere iniziative "al fine di favorire la rapida ripresa delle attività dei Casinò di Venezia, di Saint Vincent e di Sanremo in condizioni di piena sicurezza per i lavoratori impiegati e per la clientela" e adottare "misure specifiche" per "superare, in prospettiva futura, la difficile situazione in cui si trovano ad operare il Casinò di Venezia, il Casinò di Saint Vincent e il Casinò di Sanremo".

Ma, come detto, nell'incontro di ieri 20 gennaio sono stati anche altri i temi trattati: a tale proposito Lanièce segnala "la disponibilità" di Gualtieri "a trovare una soluzione concreta per inserire, nei prossimi provvedimenti, l’esclusione delle società di impianti a fune a partecipazione pubblica e della Cva dai vincoli della legge Madia".
Il senatore ha inoltre chiesto che, nel prossimo decreto Ristori, ci sia "un’attenzione particolare alla realtà di montagna, con iniziative mirate a tutte le nostre realtà d’impresa. Finalmente abbiamo l’occasione di riannodare una collaborazione più profonda e attenta con il Governo, agire per ottenere degli obiettivi tangibili".

Lanièce ha votato la fiducia al Governo Conte 2 e spiega così i motivi: "Il mio impegno è stato per sostenere le famiglie e i lavoratori valdostani. Un impegno che continua, perché il momento storico che stiamo vivendo è terribile e la pandemia non ci dà tregua, e farò tutto quanto in mio potere per fare la mia parte, nel solo interesse dei valdostani".

 

Share