Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Dl Rilancio in Aula, nel testo le norme su Campione

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Approda in Aula alla Camera il Dl Rilancio, nel testo previste disposizioni su Campione d'Italia.

Via libera da parte della commissione Bilancio al Dl Rilancio, che approda oggi 6 luglio in Aula alla Camera (anche se è possibile un ritorno in commissione), dopo aver conferito il mandato ai relatori, Luigi Marattin (Iv), Fabio Melilli (Pd) e Carmelo Massimo Misiti (M5S) a riferire. Il Governo ha già annunciato che porrà la fiducia sul testo con le modifiche approvate dalla Commissione e tra queste figurano le norme relative a Campione d'Italia, frutto di un emendamento che reca la prima firma del deputato di Fratelli d'Italia Alessio Butti e che, in una versione riformulata, è stato approvato.

Esso introduce nel testo un articolo 129-bis, recante "Disposizioni in materia di imposte dirette e accise per il Comune di campione d'Italia".
L'emendamento, modificando il comma 575 della legge 160/2019, estende per ulteriori cinque periodi d'imposta l'abbattimento, nella misura del 50 percento, dell'imposta sul reddito di impresa, sul reddito delle persone fisiche che non esercitano attività d'impresa iscritte nei registri anagrafici del Comune di Campione d'Italia nonché sui redditi di lavoro autonomo di professionisti e con studi nello stesso Comune.
La normativa, si legge nella relazione tecnica, prevede inoltre, con la sostituzine del comma 577 e l'inserimento del comma 577-bis, una modifica del credito di imposta per le imprese che effettuano investimenti nell'area interessata dall'agevolazione.
Ancora, sono apportate modifiche all'articolo 1, commi 573,574 e 575 della legge 27 dicembre 2019 numero 160, al fine di prevedere che la riduzione delle imposte ivi prevista a favore delle persone fisiche e delle imprese operati per dieci periodi d'imposta, anziché cinque come attualmente previste. Inoltre, in riferimento ai commi 573 e 574, è stata eliminata la data del 20 ottobre 2019 quale limite temporale alla residenza o localizzazione di persone fisiche e imprese a Campione d'Italia per beneficiare di tali agevolazioni. Viene poi introdotto un nuovo comma 576-bis, il quale prevede che i limiti dei regolamento europei sugli aiuti di importanza minore (cd. "de minimis") non si applicano per il periodo d'imposta 2020. Tale limite è di 120mila euro per ogni impresa attiva nel settore della pesca e dell'acquacoltura e di 100mila euro per ogni impresa attiva nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli.
Inoltre, l'emendamento è volto a concedere, per una durata di sei anni, previa autorizzazione del Consiglio dell'unione europea, l'applicazione di aliquote ridotte di accisa per il comune di Campione d'Italia. In particolare, per l'energia elettrica euro 0,0005 per chilowattora, per l'uso in locali e luoghi diversi dalle abitazioni; euro 0,001 per chilowattora, per l'uso nelle abitazioni. Per il gasolio a uso riscaldamento: 201,50 euro per mille litri, pari al 50 percento dell'aliquota applicata a livello nazionale.

IL TESTO INTEGRALE

ART. 129.
Dopo l’articolo 129, aggiungere il seguente:
Art. 129-bis.
(Disposizioni in materia di imposte dirette e di accise nel comune di Campione d’Italia)
1. All’articolo 1 della legge 27 dicembre 2019, n. 160, sono apportate le seguenti modificazioni:
a) al comma 573, le parole: « alla data del 20 ottobre 2019 » sono soppresse e la parola: « cinque » è sostituita dalla seguente: « dieci »;
b) al comma 574, le parole: « alla data del 20 ottobre 2019 » sono soppresse e la parola: « cinque » è sostituita dalla seguente: « dieci »;
c) al comma 575, la parola: « cinque » è sostituita dalla seguente: « dieci »;
d) dopo il comma 576 è inserito il seguente:
« 576-bis. In deroga al comma 576, per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020 le agevolazioni di cui ai commi 573, 574 e 575 si applicano nel limite dell’importo di 800.000 euro per ogni impresa. Tale limite è di 120.000 euro per ogni impresa attiva nel settore della pesca e dell’acquacoltura e di 100.000 euro per ogni impresa attiva nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli »;
e) il comma 577 è sostituito dal seguente:
« 577. In vista del rilancio economico del comune di Campione d’Italia, alle imprese che effettuano investimenti nel territorio del medesimo comune facenti
parte di un progetto di investimento iniziale come definito all’articolo 2, punti 49), 50) e 51), del regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione, del 17 giugno 2014, è attribuito un credito d’imposta commisurato a una quota dei costi individuati come ammissibili ai sensi dell’articolo 14 del predetto regolamento (UE) n. 651/2014. Il credito d’imposta è commisurato alla quota del costo complessivo dei beni acquisiti nel limite massimo, per ciascun progetto di investimento, di 30 milioni di euro per le grandi imprese nella misura del 25 per cento del costo ammissibile, di 20 milioni di euro per le medie imprese nella misura del 35 per cento del costo ammissibile e di 6 milioni di euro per le piccole imprese nella misura del 45 per cento del costo ammissibile »;
f) dopo il comma 577 sono inseriti i seguenti:
« 577-bis. Per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020, alle imprese che effettuano gli investimenti di cui al comma 577 il credito d’imposta è riconosciuto, in deroga alle disposizioni del medesimo comma 577, in misura pari ai costi sostenuti nel limite dell’importo di 800.000 euro per ogni impresa. Tale limite è di 120.000 euro per ogni impresa attiva nel settore della pesca e dell’acquacoltura e di 100.000 euro per ogni impresa attiva nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli.
577-ter. L’efficacia delle disposizioni dei commi 576-bis e 577-bis è subordinata all’adozione della decisione di compatibilità da parte della Commissione europea, ai sensi dell’articolo 108, paragrafo 3, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea sulla base della comunicazione C(2020) 1863 final della Commissione, del 19 marzo 2020, recante “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19” ».

2. Al comma 632 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, le parole: « comma 1 » sono sostituite delle seguenti: « commi 1 e 2 » e le parole: « come modificato dal comma 631 del presente articolo, » sono soppresse.

3. Il gasolio usato come combustibile per riscaldamento nel territorio del comune di Campione d’Italia è sottoposto ad accisa con l’applicazione della corrispondente aliquota di cui all’allegato I annesso al testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative, di cui al decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, nella misura ridotta di euro 201,5 per mille litri di gasolio; per i medesimi consumi non trovano applicazione le disposizioni in materia di riduzione del costo del gasolio di cui all’articolo 8, comma 10, lettera c), della legge 23 dicembre 1998, n. 448, all’articolo 5, comma 1, del decreto-legge 1° ottobre 2001, n. 356, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 novembre 2001, n. 418, e all’articolo 2, comma 12, della legge 22 dicembre 2008, n. 203.

4. L’energia elettrica consumata nel territorio del comune di Campione d’Italia è sottoposta ad accisa con le aliquote di cui all’allegato I annesso al testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative, di cui al decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, nelle misure ridotte di seguito indicate:
a) euro 0,001 per ogni kWh di energia impiegata per qualsiasi applicazione nelle abitazioni;
b) euro 0,0005 per ogni kWh di energia impiegata per qualsiasi uso in locali e in luoghi diversi dalle abitazioni.

5. L’efficacia delle disposizioni dei commi3e4è subordinata all’autorizzazione del Consiglio prevista dall’articolo 19 della direttiva 2003/96/CE del Consiglio, del 27 ottobre 2003; le medesime disposizioni trovano applicazione dalla data di efficacia della predetta autorizzazione e restano in vigore per la durata di sei anni.

6. Agli oneri derivanti dall’attuazione del presente articolo, pari a 55.000 euro per l’anno 2020, a 105.000 euro per l’anno 2021, a 103.000 euro per l’anno 2022, a 105.000 euro per l’anno 2023, a 105.000 euro per l’anno 2024, a 6.205.000 euro per l’anno 2025, a 8.729.000 euro per l’anno 2026, a 8.069.000 euro per l’anno 2027, a 8.072.000 euro per l’anno 2028, a 8.070.000 euro per l’anno 2029, a 1.970.000 euro per l’anno 2030 e a 630.000 euro per l’anno 2031, si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo di cui all’articolo 1, comma 200, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, come rifinanziato dall’articolo 265, comma 5, del presente decreto.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.