Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Ferie a St. Vincent: 'Nessun contrasto con interessi aziendali'

  • Scritto da Redazione

L'assessore alle Partecipate Renzo Testolin risponde in Consiglio Valle all'interpellanza di Cognetta sulle ferie non godute al Saint Vincent Resort & Casino.

Al Casinò di Saint Vincent a novembre 2017 sono stati liquidati 28 giorni di “ferie” non godute per 8.800 euro e circa 256 giorni di “festivi” effettivamente lavorati, anche sulla base di accordi precedenti con il lavoratore, il quale, per iniziativa dell’attuale direzione aziendale, è stato messo nella condizione di smaltire quanto più possibile del pregresso maturato in considerazione del previsto esodo Fornero che lo avrebbe riguardato entro fine anno, riducendo sensibilmente le sue spettanze economiche di fine rapporto. Questi i dati forniti dalla Casa da gioco e riferiti dall'assessore al Bilancio e Società partecipate della Regione Val d'Aosta, Renzo Testolin, nel rispondere in Consiglio Valle all'interpellanza presentata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Roberto Cognetta.
Riguardo al 2018, l'assessore Testolin ha detto che la Società, non appena trasmessi i dati all’Ente previdenziale per il conteggio e la certificazione delle posizioni pensionistiche dei lavoratori interessati, "predisporrà così come fatto per la Fornero 2017, un percorso di godimento di tutti i ratei di ferie e festivi non goduti, appartenenti ad ogni singolo lavoratore. Al fine di migliorare l’organizzazione del lavoro e diminuire il relativo costo, la Casinò de la Vallée farà godere ad ogni lavoratore interessato al pre-pensionamento prima i giorni residui accantonati negli anni precedenti e successivamente le spettanze di competenza dell’anno; ciò per evitare spiacevoli disagi nel caso in cui taluni lavoratori, al termine dell’istruttoria non dovessero rientrare nel piano di esodo previsto per il 2018".
Rispondendo alla richiesta di avviare un'indagine, l'assessore ha osservato che "la Società ritiene, allo stato attuale, che nella gestione della tematica non siano emerse situazioni contrastanti con gli interessi aziendali" e ha quindi assicurato che chiederà all’amministratore unico di dare le opportune indicazioni affinché tale situazioni siano attentamente verificate per evitare distorsioni o eventuali situazioni di illegittimità.

LA REPLICA DI COGNETTA - Nella replica, il Consigliere Cognetta si è detto insoddisfatto, perché l'assessore ha fornito i dati al mese di novembre, oltre 8.000 euro per 12 giorni, omettendo quindi le spettanze più importanti che sono riferite a 200 giornate. Cognetta ha espresso indignazione "perché, all'interno del Casinò, c'è chi si è visto riconoscere le ferie non godute, mentre altri non hanno ricevuto nulla: mi auguro quindi che qualcosa cambi e qualcuno faccia finalmente rispettare le regole a tutti. Questo mancato controllo porta al risultato del fallimento della Casa da gioco".
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.