Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò online: la storia e le evoluzioni dalla nascita a oggi

  • Scritto da Redazione

Ecco un excursus storico sui casinò online, dalla loro nascita alle ultime novità in materia di innovazione e prodotto.

I casinò online sono una delle realtà più importanti dell’intrattenimento della nostra epoca. Raccolgono ogni giorno milioni e milioni di appassionati e hanno avuto l’enorme merito di adattarsi ai cambiamenti tecnologici e sociali degli ultimi anni. Un’evoluzione continua che ne ha decretato il successo e la cui spinta è ancora ben lontana dall’essersi esaurita. Ma come si è arrivati alle piattaforme che conosciamo oggi? E quali sono state le tappe che hanno forgiato il moderno gaming online? Proviamo a scoprirlo.

Oggi i migliori casinò online offrono partite live e suite di realtà virtuale. Ne esiste una ricca offerta di proposte legali in Italia, con numerose guide che permettono di informarsi correttamente sui vari servizi e sulle varie offerte di bonus senza deposito, per evitare sorprese e comportamenti scorretti. Ma la strada per arrivare a questa situazione è stata lunga e ricca di colpi di scena. Alcuni storici del gaming fanno addirittura risalire la nascita delle piattaforme sul web agli anni ‘70. Internet era ancora agli albori ma già nei casinò fisici esistevano software di rete interna che collegavano le slot machine a un computer centrale.

Siamo agli albori ma l’idea di connettere dispositivi diversi a un server unico era già realtà. Per iniziare a parlare di gaming online in senso stretto, però, bisogna arrivare al 1994. In quell’anno accaddero due eventi destinati a cambiare per sempre la storia. Ad Antigua e nelle Barbados venne approvato il “Free Trade & Processing Act”, ovvero la prima legge in assoluto a regolare il gioco online e a concedere licenze agli operatori interessati ad aprire siti di intrattenimento. Negli stessi mesi vide la luce anche il primo software in assoluto dedicato ai casinò virtuali.

Appena un anno dopo arriva un’altra pietra miliare grazie all’azienda informatica Cryptologic. Gli sviluppatori di Cryptologic creeranno il primo protocollo criptato per la sicurezza delle transazioni monetarie su internet. Una rivoluzione che entra nei casinò nel 1996 e si espande a macchia d’olio in moltissimi settori del web.

Le basi informatiche ed economiche ci sono e il comparto inizia a crescere a ritmi vertiginosi. Una crescita che attira fin da subito importanti gruppi imprenditoriali che con la loro concorrenza non fanno che spingere l’asticella verso l’alto, permettendo al settore di evolversi in tempi record.

Migliora la qualità dei giochi, i software si evolvono di pari passo con le tecnologie e arrivano nuove modalità di gioco come i tavoli multi-giocatore e le videoslot con jackpot progressivo. A queste novità si aggiungono quelle che hanno caratterizzato il gaming degli ultimi 5 anni: il live gaming, ovvero la possibilità di sfidare avversari “reali” connessi in streaming interagendo con croupier in carne e ossa e le suite di gioco pensate appositamente per i device mobile di ultima generazione.

Proprio il comparto mobile rappresenta forse il sotto-settore con i maggiori margini di sviluppo. Oggi smartphone e tablet si sono affermati come i device preferiti per il gaming a livello mondiale. Una situazione che ha portato la case produttrici a investire importantissime risorse economiche nella creazione di app appositamente dedicate e nell’ottimizzazione dei cataloghi di gioco alle ridotte dimensioni degli schermi. In brevissimo tempo sono stati raggiunti standard decisamente elevati e oggi i giochi per dispositivi mobile non hanno nulla da invidiare ai loro “fratelli maggiori” per pc. Basti pensare che alcune aziende hanno deciso addirittura di abbandonare le postazioni fisse per dedicarsi esclusivamente alla mobilità.

E in attesa dell’entrata definitiva nel mondo dei casinò online della realtà virtuale (alcuni operatori offrono già giochi in Vr ma scontano i limiti infrastrutturali delle reti e delle connessioni), negli ultimissimi anni si è aperto un altro interessante filone di sviluppo: il social gaming.

Per social gaming si intende la versione dei giochi da casinò pensata per i social network, ovvero i siti più frequentati in assoluto in tutto il mondo. I social stanno infatti iniziando a ospitare con sempre maggior frequenza slot machine, blackjack e roulette. Ovviamente senza la possibilità di utilizzare soldi veri ma mettendo in palio crediti virtuali da poter riutilizzare in altri giochi o per sbloccare contenuti aggiuntivi.

I social games attirano un pubblico molto giovane che ha come obiettivo principale quello dell’intrattenimento e che è attratto soprattutto i dall’aspetto ludico e dalla gioia di trascorrere dei momenti spensierati sui social media.

Non si gioca per soldi, quindi, ma per sfidare amici e conoscenti e per condividere i risultati ottenuti in classifiche aggiornate settimanalmente o mensilmente. Un aspetto che non ha impedito ai grandi nomi del settore di entrare in partita. Obiettivo dichiarato non quello economico ma quello di far conoscere le proprie offerte e i classici che hanno fatto la storia dell’intrattenimento.

Ma è già il momento di pensare al futuro e di capire come e in che direzione potrà evolversi il settore. Abbiamo già accennato alla realtà virtuale e al fatto che l’implementazione in pianta stabile nel mondo dei casinò non si sia ancora realizzata. Il 5G, però, è dietro l’angolo e promette di cambiare per sempre le cose, garantendo la possibilità di trasmettere un’enorme mole di dati in tempo reale e di risolvere problemi come la latenza e la lentezza dello streaming.

Un altro campo con notevoli margini di sviluppo è quello delle competizioni virtuali di livello internazionale. Gli e-sports sono già una realtà a livello globale per il gaming competitivo e attirano enormi pubblici e ingenti risorse economiche. Nulla vieta di pensare che a breve possano entrare tra le discipline giocate anche quelle tipiche dei casinò. A maggior ragione se i principali siti continueranno a tenere aperte le proprie sezioni di betting virtuale in cui danno la possibilità agli utenti di scommettere sugli eventi di e-sports più importanti.

L’ultima novità attesa riguarda la sicurezza delle transazioni e della gestione dei dati personali. Viviamo nell’epoca delle cripto monete e della tecnologia blockchain, due innovazioni che stanno modificando moltissimi mondi del web. Alcuni casinò stanno già sperimentando questa strada e permettono ai propri giocatori di usare monete virtuali per giocare. Sono pochi ma il numero è destinato a crescere: le cripto monete non sono regolate da organismi centralizzati e permettono transazioni decisamente più “economiche”.

Allo stesso tempo la blockchain è destinata a rendere ancora più solidi i meccanismi di scambio economico e di informazioni. La sua struttura a blocchi e la validazione automatica di ogni punto della rete renderanno dati e informazioni immodificabili, aumentando a dismisura le tutele per gli iscritti alle piattaforme.

 

Share