Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Germania: casinò online, possibile periodo di transizione prima della legalizzazione

  • Scritto da Redazione

Numerosi Stati tedeschi pensano ad una fase 'di transizione' che potrebbe consentire agli operatori di continuare a offrire prodotti di casinò online fino alla legalizzazione nel luglio 2021.

Un periodo di "transizione" che potrebbe consentire agli operatori di continuare a offrire prodotti di casinò online fino alla legalizzazione del comparto, dal luglio 2021, senza restrizioni.

È l'ipotesi al vaglio di alcuni Stati federali della Germania, chiamati a confrontarsi sul Glücksspielneuregulierungstaatsvertrag, attualmente sotto la lente della Commissione europea.

Questo modello normativo rivisto, ad ora soggetto al consueto periodo trimestrale di stand still, espande il mercato online oltre le scommesse sportive per la prima volta.

A partire da luglio del prossimo anno, il casinò online e il poker saranno regolati, anche se con condizioni rigorose, come un limite di 1 euro per giro di puntate sulle slot, e licenze di giochi da tavolo limitate al numero di casinò terrestri in ogni Stato.

 

Nel frattempo, il limite di spesa di mille euro stabilito dal terzo Trattato statale sul gioco d'azzardo modificato sarà esteso a tutte le verticali di gioco. Tale trattato in teoria è entrato in vigore il 2 gennaio di quest'anno, come misura temporanea prima dell'introduzione del quadro normativo ampliato.
 
Tuttavia, gli operatori sono stati lasciati nel limbo dopo che una causa giudiziaria ha fatto deragliare il processo di concessione delle licenze per le scommesse sportive ai sensi del terzo Trattato statale. Un caso presentato dal bookmaker austriaco Vierklee ha visto il tribunale amministrativo di Darmstadt stabilire che il processo è stato condotto senza la dovuta trasparenza da parte del consiglio regionale di Darmstadt, l'organo dell'Assia responsabile del rilascio delle licenze. Il Consiglio regionale fa appello alla sentenza del tribunale.
 
La possibilità di un periodo di transizione, che l'ente dell'operatore Deutscher Sportwettenverband aveva precedentemente richiesto, è emerso per la prima volta attraverso una sfida legale separata nello Stato dell'Assia. Ciò ha visto la sospensione del procedimento in un appello di un operatore senza nome contro un ordine di divieto emesso dal consiglio regionale, per consentire alle due parti di negoziare un accordo di compromesso.
 
Quando il terzo Trattato statale è stato attuato per la prima volta, si è verificata una situazione simile dopo che le controversie legali hanno bloccato il processo di concessione delle licenze. Questo alla fine ha visto Hessen, in quanto Stato responsabile per le licenze, attuare una politica di tolleranza o Duldung, in cui gli operatori che pagavano le tasse sulle entrate tedesche e si integravano con il sistema nazionale di autoesclusione sarebbero autorizzati a condurre affari senza una licenza.
 
Nell'attuale limbo, gli Stati hanno adottato approcci contrastanti agli operatori di giochi online. Mentre alcuni hanno cercato di consentire il casinò online, dal momento che sarà legale fra meno di un anno, altri hanno intrapreso un'azione contro le aziende che offrono la verticale.
 
A giugno il ministero degli Interni e dello Sport di Amburgo ha sporto denuncia contro un trio di operatori per violazione del divieto di iGaming, con uno di quelli presi di mira, Gvc Holdings, respingendo la mossa in quanto "senza merito o legittimità".
 
A Niedersachsen, lo Stato responsabile dell'emissione di ordini di blocco dei pagamenti contro operatori privi di licenza, i parlamentari di Freie Demokratische Partei (Fdp) hanno messo in dubbio la linea dura dello Stato nei confronti del settore.
 
Ai sensi del GlüNeuRStV, lo Stato del Sachsen-Anhalt ospiterà una nuova autorità di regolamentazione federale, mentre se fosse approvato dalla Commissione europea e attuato, gli Stati saranno vincolati dalle sue condizioni al più presto fino al 31 dicembre 2028. Deve ancora essere ratificato da 13 dei 16 Stati del Paese prima che possa entrare in vigore.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.