Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Macao, il governo stringe i tempi sulle gare per le concessioni

  • Scritto da Mc

Le concessioni degli operatori di casinò di Macao sono in scadenza, il governo accelera i tempi.

Il fatto che il governo di Macao abbia emesso, con largo anticipo rispetto a un calendario di sei mesi, un rapporto riassuntivo di una recente consultazione pubblica sulle modifiche proposte al quadro normativo del gioco della città, suggerisce che è possibile lanciare la nuova gara pubblica prima che le sei attuali licenze di gioco scadano nel giugno 2022.

Lo afferma una nota di Jp Morgan Securities (Asia Pacific) Ltd, società di consulenza e analisi secondo la quale il rapporto sulla consultazione (conclusa a fine ottobre) arriva ben prima dei sei mesi di tempo che il governo di tempo si era preso redigerlo.
Ciò potrebbe essere la dimostrazione del "forte desiderio del governo di condurre la gara per le conferme delle licenze (tra concessioni e subconcessioni) prima che esse scadano", il 26 giugno del prossimo anno, spiegano gli analisti Ds Kim, Amanda Cheng e Livy Lyu.
Le autorità locali affermano che la legge sul gioco della città deve essere rivista prima che possa avvenire una tale gara pubblica. Il governo dovrebbe ora presentare un disegno di legge riveduto all'Assemblea legislativa della città, aprendo la strada a una procedura di gara pubblica che avrà luogo il prossimo anno.
"Riteniamo ora che la riconsegna delle licenze - nella forma dell'asta pubblica - possa aprirsi entro la prima metà del 2022 e che non sia più impossibile rilasciare nuove licenze prima della scadenza" di quelle attuali, aggiunge Jp Morgan.

Da parte sua, l'agenzia di intermediazione Sanford C. Bernstein Ltd sottolinea: "Crediamo ancora che il governo sia deciso a finalizzare le nuove concessioni prima della scadenza di giugno".
Gli analisti Vitaly Umansky e Kelsey Zhu aggiungono, riferendosi alle opinioni del pubblico che sono state delineate nella sintesi dei risultati della consultazione: "Non vediamo nulla nel rapporto che sollevi problemi".

C'è poi il gruppo bancario Morgan Stanley, secondo il quale “la chiarezza sull'opinione pubblica sui punti chiave di discussione è positiva”. I suoi analisti Praveen Choudhary, Gareth Leung e Thomas Allen osservano: "Vediamo lo status quo sul numero di licenze (sei), sulla durata (tra 10 e 20 anni), sulle tasse (come prima) e sui dividendi (consentiti)" anche se, sulla base del feedback della consultazione, c'è un sostegno pubblico per "una maggiore supervisione sul funzionamento" del settore.

Morgan Stanley evidenzia che il sostegno del 97,6 percento tra coloro che condividono le loro opinioni per un ulteriore sviluppo del non gioco da parte del settore dei casinò della città, "potrebbe essere diluitivo" per il settore.

Jp Morgan sottolinea anche che "gran parte del pubblico" che ha espresso un'opinione, ritiene che il numero di operatori dovrebbe rimanere a sei. Ciò è stato supportato dal 44 percento delle 217 opinioni presentate su quell'argomento, con il 16,6 percento che ne preferisce più di sei e il 29,5 percento che non ha opinioni o è neutrale sull'argomento.
"La formulazione del governo suggerisce anche che è probabile che sia così, ovvero continua a ribadire l'importanza di bilanciare la stabilità dell'economia e il sano sviluppo dell'industria dei giochi", prosegue Jp Morgan.

 

Share