Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casino cashless, il futuro prova a partire al Resort World Las Vegas

  • Scritto da Ca

Il nuovo Resort World Las Vegas fa il suo esordio cashless per trainare un cambiamento che sembra tuttavia ancora difficile. 

Gli effetti e la bontà dell’idea potremmo valutarli solo tra un tempo ragionevole ma la strada intrapresa al nuovo Resort World Las Vegas è ora realtà e da qualche parte bisognava pur partire. Via i contanti e non parliamo di cash back ma di cashless. Banconote e dollari fruscianti spariscono dal nuovo casinò di Las Vegas dove i clienti caricano il cash su un portafoglio digitale e i fondi vengono prelevati automaticamente dopo aver utilizzato una qualsiasi delle strutture delle case da gioco, dai table games ai ristoranti.

Il tempismo è ottimo in quanto i casinò del Nevada sono ancora preoccupati per una possibile recrudescenza della pandemia da Covid-19 e l’idea del cashless è quella di evitare il passaggio di banconote e monete e che questo possa aiutare a rallentare la diffusione delle particelle di coronavirus dalle banconote alle mani.

Un passo molto importante e assai rischiosa vista l’acerrima concorrenza. La grande novità potrebbe spingere molto bene per attrarre clientela. Del resto le criptovalute sono molto utilizzate nel Nevada dove erano comparsi anche i primo bancomat proprio dedicati alle cripto. Il Resort World, comunque, ha collaborato con l'exchange Gemini per facilitare i pagamenti in criptovalute nella casa da gioco, ma i regolatori non hanno ancora dato il via libera all'utilizzo del denaro digitale per il gioco d'azzardo.

A benedire l’idea del nuovo colosso del gioco fu Ron Goudsmit, uno dei "padri fondatori" della European Casino Association e suo ex presidente: “Avendo vissuto l'esperienza del Covid, le persone non vogliono toccare le cose, quindi questo l'ha accelerato. Vedremo queste soluzioni sempre di più nei casinò, ma anche altrove". 

Sebbene possa rivelarsi un pioniere con un'esperienza di casinò senza contanti, sembra che il Resorts World Vegas possa essere un'anomalia. È improbabile che le aziende effettuino il tipo di investimenti da miliardi di dollari visti nei giorni pre-pandemia, senza almeno una sorta di rassicurazione sul fatto che ci saranno rendimenti. "Penso che ci saranno nuovi investimenti, anche se probabilmente non delle somme di cui parlano in Giappone - e anche lì stanno cercando di ridurre i budget", afferma Goudsmit. “Ci saranno sicuramente nuovi progetti in Europa, anche nell'Est Europa, e in Asia, ma non per le enormi quantità di cui si parlava in precedenza”.
Invece, tale investimento può essere sempre più suddiviso tra la proprietà fisica e la sua controparte digitale.
"L'intera convergenza tra i diversi canali non farà che aumentare l’offerta di gioco e anche questi metodi di pagamento”, ha affermato Goudsmit.  
Share