Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Apparecchi illegali, l'Aga lancia l'allarme negli Usa

  • Scritto da Redazione

Un report dell'Associazione americana dei casinò evidenzia l'impatto negativo delle macchine da gioco non regolamentate.

Allarme illegalità negli Stati Uniti. Lo lancia l'American Gaming Association (Aga), che ha pubblicato un white paper che evidenzia i pericoli di macchine da gioco illegali e non regolamentate che proliferano negli Stati Uniti. Queste macchine da gioco illegali, sottolinea l'associazione, non sono soggette a test, licenze o standard normativi significativi e sono spesso legate ad attività criminali, compreso il riciclaggio di denaro, il traffico di droga e la criminalità violenta.

I punti salienti del white paper vertono sull'abilità nell'inganno: come le macchine da gioco non regolamentate mettono in pericolo i consumatori e diluiscono gli investimenti nelle economie locali.
In particolare, il report sottolinea che le macchine per il gioco d'azzardo illegali non sono soggette agli stessi rigorosi requisiti normativi che l'industria del gioco legale soddisfa, inclusi un processo di licenza, test di gioco e reporting e gioco responsabile, né sono monitorate per garantire il fair play ai clienti. Anche gli operatori di macchine non regolamentate non hanno una formazione sul gioco responsabile, potenzialmente attirando i bambini e coloro con comportamenti problematici di gioco a utilizzare queste macchine.

I recenti blitz di macchine da gioco illegali sono stati collegati al traffico di droga, all'attività delle gang, alla violenza e sono stati anche collegati a diverse grandi famiglie del crimine organizzato.

LE RACCOMANDAZIONI - Per combattere la diffusione di macchine illegali, il rapporto raccomanda alle forze dell'ordine e ai responsabili politici di dare la priorità a una solida applicazione delle leggi per sradicare le macchine da gioco illegali e non regolamentate.
Gli Stati e le comunità non devono autorizzare queste macchine che continuano a erodere le normative e a consentire inutili rischi per i consumatori.
Le aziende dovrebbero rimuovere attivamente i giochi illegali e non regolamentati dalle loro proprietà.
L'industria del gioco regolamentata e le comunità delle forze dell'ordine condividono le preoccupazioni sulla minaccia che le macchine da gioco illegali rappresentano per le comunità.

IL COMMENTO DI BRNOVICH - "La storia ci ha insegnato che il gioco d'azzardo non regolamentato dà origine a una serie di preoccupazioni legali e sociali e alla fine erode la fiducia del pubblico nella sicurezza e nell'integrità dell'intera industria del gioco", afferma Mark Brnovich, procuratore generale dell'Arizona ed ex direttore del Dipartimento del gioco dell'Arizona.

E QUELLO DI FIEL - "Il gioco legale offre enormi vantaggi alle comunità che serve - e operare con una licenza di gioco è un privilegio che il nostro settore prende sul serio", aggiunge Jessica Feil, vicepresidente per le relazioni governative e consigliere per le politiche di gioco di Aga. "Sfortunatamente, c'è stato un rapido aumento delle macchine da gioco non regolamentate che esistono nell'ombra, approfittando delle scappatoie e violando la legge, con poca o nessuna supervisione. Queste macchine alla fine mettono in pericolo i consumatori e le comunità, alimentando il gioco d'azzardo problematico e la criminalità mentre sottraggono importanti entrate fiscali agli stati".

I NUMERI DELL'AGA - Mantenere l'integrità dell'industria del gioco e continuare a portare benefici alle nostre comunità è una priorità assoluta dell'Aga. Il gioco da casinò è ora un settore legale e regolamentato in 44 stati, che genera oltre 261 miliardi di dollari di impatto economico e 41 miliardi di entrate fiscali dirette, sostenendo più di 1,8 milioni di posti di lavoro a livello nazionale. Macchine per il gioco d'azzardo illegali sono state trovate in dozzine di stati e continuano a aggirare queste leggi e regolamenti, danneggiando comunità e consumatori a livello nazionale.

 

 

Share