Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il Cile cambia le regole del 'gioco', operatori in rivolta

  • Scritto da Mc

Il Cile rischia di perdere la sua reputazione di paese sudamericano più stabile in materia di norme sul gioco.

Quando il gestore di fondi di private equity canadese Clairvest ha iniziato a investire nei casinò cileni più di dieci anni fa, uno dei fattori decisivi è stata la reputazione del paese quanto a stabilità e stato di diritto.

Ora questo suo primato è a rischio poiché il governo sta cambiando il modo in cui metterà all'asta, la prossima volta, le concessioni di gioco, secondo Michael Wagman, presidente di Clairvest. Le concessioni di 15 anni verranno infatti vendute al miglior offerente, invece di privilegiare gli operatori attuali, come previsto.

Clairvest si è unita ad altri quattro operatori di casinò cileni per contestare le regole in tribunale e i querelanti affermano che porteranno il loro caso al Centro internazionale per la risoluzione delle controversie sugli investimenti della Banca mondiale se la loro causa contro il regolatore locale non farà loro ottenere sollievo.

La posta in gioco è la reputazione di paese più stabile dell'America Latina, a lungo un bastione dell'ortodossia economica e delle politiche a favore delle imprese in una regione nota per la sua volatilità normativa. Gli operatori di casinò vedono mettere in discussione quel prestigio come la loro migliore possibilità di convincere l'amministrazione del presidente Sebastian Pinera a invertire i suoi piani.

Il governo "non è nemmeno vicino a inviare il messaggio che il Cile è un posto sicuro per fare affari", ha detto Wagman, che è il portavoce del gruppo. Clairvest, che possiede una partecipazione nell'operatore di casinò Marina del Sol, ha sospeso potenziali nuovi investimenti in altri settori del paese, ha detto Wagman.

 

Share