Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Gioco online, in Spagna effetto Covid sui casinò games

  • Scritto da Mc

Nel terzo trimestre dell'anno continua il buon momento dei casino games in Spagna, il cui andamento dipende anche dalla pandemia tuttora in corso.

Continua, un po' in tutto il mondo, il buon momento dei casino online, sui quali si è dirottata parte della domanda che in questo difficile 2020 che si avvia a conclusione non ha potuto essere soddisfatta da location terrestri. E lo stesso accade in Spagna, come si evince dagli ultimi dati, relativi al terzo trimestre dell'anno, diffusi dalla Dgoj, ossia dalla Dirección General de Ordenación del Juego.

Il Ggr (incassi lordi di gioco) del periodo considerato sono stati infatti pari a 197,17 milioni di euro, in calo del 5,59 percento rispetto al trimestre precedente ma in crescita del 2,83 percento su base annua, dunque paragonati al terzo trimestre del 2019.

Sugli altri principali indicatori, depositi e prelievi da parte dei giocatori, i loro tassi di variazione sono aumentati rispettivamente dell'11,85 e del 16,72 percento rispetto al trimestre precedente. Le spese di marketing hanno registrato un forte aumento del 269,49 percento rispetto al trimestre precedente e anche i nuovi conti che sono aumentati del 139,44 percento rispetto al trimestre precedente e allo stesso trimestre dell'anno precedente.

Analizzando in maggiore dettaglio i dati, si osserva che i 197,17 milioni di euro di Ggr sono distribuiti in 85,23 milioni di euro sulle scommesse (43,22 percento); 3,89 milioni di euro nel bingo (1,97 percento); 83,89 milioni di euro nei giochi da casinò (42,55 percento), 1,15 milioni di euro nei concorsi (0,58 percento) e 23,01 milioni di euro nel poker (11,67 percento).

Il comparto delle scommesse ha un tasso di crescita rispetto al trimestre precedente del 25,06 percento ma è calato del 15,43 percento rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Il bingo ha registrato un calo del 22,88 percento rispetto al trimestre precedente e un aumento del 22,58 percento rispetto allo stesso trimestre del 2019.

Nel segmento dei casinò si è registrato un calo del 10,31 percento rispetto al secondo trimestre del 2020 e un tasso di variazione annuale positivo del 25,98 percento. Questa diminuzione su base mensile si verifica in tutti i giochi ed è principalmente dovuta al comportamento della roulette (sia convenzionale che live) e delle slot machine con variazioni trimestrali di meno 28,55, meno 16,80 e meno 3,99 percento rispettivamente. In questo trimestre, si osserva che la quota di mercato del casinò è leggermente inferiore a quella delle scommesse.


Il poker presenta in questo terzo trimestre del 2020 un calo del 39,76 percento rispetto al trimestre precedente e un aumento del 12,36 percento rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. Sia il cash poker che il poker da torneo sono diminuiti, registrando un tasso di variazione trimestrale rispettivamente del 48,58 e del 35,41 percento.

La media mensile dei conti di gioco attivi, informa ancora la Dgoj è di 881.755, il che implica una crescita del 37,14 percento rispetto al trimestre precedente e una variazione annua dell'1,40 percento. La media mensile dei nuovi account è di 330.262 utenti, con un incremento trimestrale e annuale rispettivamente del 139,44 e del 29,88 percento.

GLI OPERATORI - Degli 80 operatori autorizzati, durante il terzo trimestre del 2020 hanno operato i seguenti operatori per ciascuno dei segmenti di gioco: scommesse 46, bingo 3, casinò 51, concorsi 2, poker 9.

 

Share