Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Macao, trema il mercato del junket

  • Scritto da Mc

In forte ridimensionamento l'industria dei junket, al servizio dei casinò di Macao.

Il mercato del junket che alimenta i casinò di Macao potrebbe essere nei guai. È già stato criticato dai regolatori del gioco della città e una nuova legge che dovrebbe essere approvata in Cina potrebbe peggiorare le cose. Tuttavia, non è finita qui, poiché i junket avevano già subito enormi perdite a causa del Covid-19, sia direttamente che indirettamente.

Per quanto riguarda Wynn Resorts, per esempio, questo segmento di mercato non sarà mai più lo stesso, indipendentemente da quanto bene riuscirà a emergere l'industria del gioco d'azzardo dopo la pandemia di coronavirus.
Wynn Resorts ha tenuto una teleconferenza sugli utili la scorsa settimana e in questo ambito è emerso anche il tema dei junkets. L'amministratore delegato della società, Matt Maddox, ha dipinto un quadro cupo di ciò che è in serbo per la sua "quota di mercato di prim'ordine" e ha affermato: "Per quanto riguarda i junket, ancora una volta, se ne parla molto. Questo business non è morto come alcune persone amano dire. Lo abbiamo visto tornare al 25-30 percento dei livelli precedenti. Credo che continuerà a consolidarsi con alcuni dei maggiori operatori e continueremo a parteciparvi. Ma non prevedo che il business junket tornerà ai livelli del 2019, perché si sta restringendo ".

NUMERI IN CALO - Nel gennaio dello scorso anno, c'erano 100 junkets autorizzati a Macao, e quella cifra è scesa a 95 all'inizio del 2020. Da allora ha continuato a diminuire e la città è già stata costretta ad adeguare il proprio potenziale di guadagno dal segmento. Macao ha assorbito solo il 75 percento circa di ciò che ha ricevuto l'anno scorso dai junkets, e questo dovrebbe essere inferiore con il persistere dei problemi di coronavirus.

Solo perché il segmento junket è più piccolo non significa che Wynn sia pronto a cancellarlo completamente. Maddox ha aggiunto: "Chiaramente l'industria del junket sta cambiando e sarà più piccola di prima, ma è ancora molto reale. Questa attività non è morta come alcune persone amano dire. Il settore continuerà a consolidarsi negli operatori più grandi e continueremo a parteciparvi ". Wynn ha iniziato a pagare ai junkets una commissione del 42,5 percento lo scorso marzo, un aumento del 2,5 percento rispetto alla cifra precedente, ed era stata la prima volta che le operazioni avevano visto una spinta in 14 anni. Naturalmente, senza traffico diretto a Macao in quel momento, una commissione del 42,5 percento avrebbe potuto essere altrettanto facilmente del 100 percento e non avrebbe fatto la differenza nei pagamenti.

I DATI DI WYNN - Wynn è già sulla buona strada per la ripresa dopo la debacle del Covid-19 e ha affermato di avere un Ebitda (guadagni prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento) di 6 milioni di dollari, che ha spazzato via la perdita di 40 milioni di Ebitda segnalata per agosto. Anche le operazioni della società a Macao si stanno riprendendo e Maddox è cautamente fiducioso che continuerà. Ha dichiarato: "Non so a quale ritmo, ma l'umore e la traiettoria complessivi sono abbastanza buoni".

 

Share