Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Marijuana nei casinò, Las Vegas: 'Non siamo pronti'

  • Scritto da Gt

La città di Las Vegas non è ancora pronta a consentire la marijuana all'interno dei suoi casinò.

Se in Italia è acceso il dibattito sulla vendita della cosiddetta cannabis light, alla luce della recente sentenza della Corte di Cassazione, anche a Las Vegas si accendono i riflettori sulle droghe leggere. E chi sperava che la liberalizzazione avvenuta i Nevada della marijuana portasse alla possibilità di utilizzarla per esempio ai tavoli di blackjack dei casinò della Sin City, è destinato a restare deluso. Secondo quanto emerso in un recente panel organizzato al Caesar's Palace nell'ambito dell'International Conference on Gambling & Risk Taking, al marijnuana non sarà la benvenuta ancora per qualche tempo a venire.

Il Sun di Las Vegas riferisce che a causa delle leggi federali che regolano la marijuana come una droga ricreativa illegale, non si vedrà nei casinò. "La relazione con la marijuana è stata una preoccupazione per i nostri operatori di gioco d'azzardo perché il Gaming Control Board applica una politica di severa regolamentazione", osserva Jennifer Roberts, direttore associato del centro internazionale per la regolazione del gioco dell'Unlv. "Ciò ha influito sul modo in cui guardiamo all'industria della cannabis in Nevada. Ci sono alcuni problemi legali".

IL QUADRO GIURIDICO - Il Nevada ha votato per rendere legale la marijuana nel 2017, il che significa che le forze dell'ordine statali non ti metteranno in prigione se ti sorprenderanno a fumare. Ma finché non ci sarà una legalizzazione a livello federale, i regolatori e i casinò vogliono tenersene alla larga.
"Gli operatori di gioco d'azzardo (in Nevada) sono autorizzati con il requisito che devono rispettare tutte le leggi statali, federali e locali", aggiunge. "Se dovessero consentire ai clienti di entrare, possedere e utilizzare una sostanza controllata, questo li metterebbe a rischio legale. Questa è la mentalità. Non sto dicendo che sia una mentalità accurata, ma è quello che ci troviamo di fronte nel mondo dei giochi". Gli operatori devono inoltrare rapporti se sospettano che qualcuno dei loro clienti sia proprietario di attività commerciali di marijuana.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.