Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Vietnam, il governo punta sui casinò per risanare i conti

  • Scritto da Vg

A causa delle difficoltà legate al Covid, in Vietnam si pensa di consentire fino al 2024 ai casinò di accettare la clientela locale e di aprirne altri due.

La pandemia ha messo a durissima prova l'industria del gioco, soggetta a limitazioni inevitabilmente legata a quella turistica, con il numero di visitatori in calo e, in alcuni Paesi, non ancora sulla via di una stabile ripresa. A tale proposito, il ministero delle Finanze del Vietnam ha finalmente presentato un piano al governo, chiedendo l'estensione di un programma pilota che consentirebbe alla gente del posto di giocare d'azzardo fino al 2024.
La proposta prevede anche l'apertura di due nuovi casinò, a Da Nang City e nella provincia di Khanh Hoa.
Le due località sono considerate posizioni privilegiate per aiutare la ripresa del turismo con 16 trilioni di Vnd (695 milioni di dollari Usa) che sono già stati versati nel progetto del resort correlato a Da Nang City e circa 25,7 trilioni di Vnd (1,1 miliardi di dollari Usa) nel progetto della provincia di Khanh Hoa, di proprietà dal gigante dell'ospitalità VinPearl e comprende un hotel, un parco divertimenti, un campo da golf e un centro congressi.

In realtà, di questo ampliamento del gioco d'azzardo si parla già da marzo scorso, e della proroga della sperimentazione anche da prima, ma secondo la stampa locale, ora il ministero ha ufficializzato questa richiesta.
Il programma pilota è stato originariamente proposto nel 2017 e sarebbe durato tre anni a partire dal 2019, con due casinò designati per le scommesse della popolazione locale. Solo uno, il Corona Resort & Casino di Phu Quoc, è ora operativo. L'altro a Van Don, nella provincia rurale di Quang Ninh, deve ancora aprire.
Sebbene il Corona Resort & Casino sia aperto ormai da tre anni, le sue prestazioni sono difficili da valutare dato che gran parte di quel tempo è stato influenzato dalla pandemia globale di Covid-19.

I dati del Ministero delle Finanze mostrano che il casinò di Phu Quoc aveva accolto 240.560 giocatori al 31 dicembre 2021, di cui il 65,5 percento erano locali vietnamiti. Le entrate accumulate dall'apertura sono state di 3,22 trilioni di Vnd (138 milioni di dollari Usa) con pagamenti fiscali di 1,73 trilioni di Vnd (74 milioni di dollari Usa).
Secondo VietnamNet, il ministero delle Finanze vuole estendere il programma pilota fino al 2024 a causa dell'impatto della pandemia.

 

Share