Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Blackstone, via libera all'acquisizione di Crown

  • Scritto da Mc

Blackstone Group ottiene l'approvazione del governo all'acquisizione dell'operatore australiano di casinò Crown Resorts.

Mentre Star Entertainment è ancora nella bufera, l'azienda di investimento con sede negli Stati Uniti Blackstone Group sembra aver finalmente portato a termine la protratta acquisizione del suo storico rivale, l'operatore australiano di casinò Crown Resorts, dopo che i funzionari del governo hanno dato l'approvazione formale dell'acquisizione.

Crown, con sede nel distretto di Southbank a Melbourne, ha subito un periodo tumultuoso negli ultimi tempi, con diverse indagini condotte sull'integrità delle sue operazioni finanziarie. Ciò ha portato a una sospensione della licenza in tre delle sue sedi. In effetti, l'approccio rinnovato di Blackstone per l'azienda in difficoltà è probabilmente arrivato al momento perfetto.

Dati i recenti procedimenti legali, l'accordo è ancora soggetto al consenso del tribunale, oltre alla necessità di superare i controlli normativi di routine. L'acquisizione dovrà anche essere approvata dal personale degli azionisti di Crown Resorts; tuttavia, il gruppo ha formalmente dichiarato il proprio sostegno alla proposta di Blackstone.

Una dichiarazione rilasciata dal presidente Crown Ziggy Switkowski, l'uomo al timone dell'impero (in rovina) del gruppo, suggerisce che c'è ottimismo di gruppo sull'offerta di Blackstone ed evidenzia l'impegno a riprendersi dalle recenti battute d'arresto.

"Il Consiglio ha considerato appieno la transazione Blackstone e raccomanda all'unanimità la proposta" - afferma Switkowski, aggiungendo che "il board e la direzione di Crown hanno compiuto buoni progressi nell'affrontare una serie di sfide e problemi significativi emersi dalla pandemia di Covid-19 e da vari processi normativi".

Il Blackstone Group ha segnalato il proprio intento la scorsa primavera presentando un accordo inizialmente del valore di 11,85 dollari per azione, prima di tornare a maggio per aumentare questa cifra di 0,50 centesimi per unità. L'offerta attuale si attesta a 8,9 miliardi di dollari australiani (6,3 miliardi di dollari).

 

Share