Logo

Filippine, cadono le accuse di frode contro Okada

Un tribunale delle Filippine respinge le accuse di frode presentate contro il magnate di casinò Kazuo Okada.

La Corte d'Appello delle Filippine ha respinto le accuse di frode contro l'imprenditore miliardario giapponese Kazuo Okada e un associato, Takahiro Usui, per appropriazione indebita di oltre 3 milioni di dollari da parte di Tiger Resort, Leisure and Entertainment Inc, operatore dell'Okada Casinò resort di Manila.

Il caso risale al 2018, quando il Dipartimento di Giustizia filippino ha raccomandato di sporgere denuncia contro Okada per tre capi di accusa di truffa dopo che esso aveva acquisito "per errore o frode" 3,15 milioni di dollari di stipendio e spese di consulenza durante il suo mandato come amministratore delegato di Tiger Resort, Leisure and Entertainment.

Tiger Resort, Leisure and Entertainment – ​​che è controllata dalla Universal Entertainment Corp, società quotata in Giappone, fondata anche da – ha accusato il magnate di esborso illegale di fondi aziendali per un importo di 3 milioni di dollari, senza l'approvazione del consiglio di amministrazione per il suo lavoro di consulenza e per gli stipendi.

L'operatore di Okada Manila in precedenza ha affermato che i pagamenti sono stati facilitati dal suo ex direttore operativo e presidente Takahiro Usui e non sono stati autorizzati dal consiglio di amministrazione dell'azienda, come previsto dallo statuto della società.

In una sentenza di 24 pagine datata 9 dicembre ma resa pubblica la scorsa settimana, la Corte d'Appello ha annullato una precedente sentenza di un tribunale regionale di Parañaque, un distretto di Metro Manila. Nel maggio 2019, il tribunale regionale aveva ritenuto meritori di processo Okada e Usui per tre capi di imputazione per presunta “estafa” – una forma di frode – e aveva emesso mandati di cattura contro i due.

Nel ribaltare la precedente decisione, la Corte d'Appello ha affermato che il tribunale regionale ha commesso "grave abuso di discrezione nell'emettere mandati di arresto" contro Okada e il suo associato "nonostante l'assenza di una causa probabile", come riferisce il quotidiano Daily Tribune.

"Non c'è stata alcuna appropriazione indebita o conversione da parte del signor Okada del denaro ricevuto", afferma la decisione, citata dal media.
Nel 2017, il signor Okada è stato allontanato dal consiglio di Universal Entertainment e poi rimosso dalla presidenza di Tiger Resorts, Leisure and Entertainment. Successivamente è stato rimosso da Okada Holdings Ltd, una società privata di Hong Kong che detiene più di due terzi delle azioni di Universal Entertainment.

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552, Tutti i diritti riservati