Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Mendrisio e Locarno: 'Poker e Admiral jackpot, pronti per Campione'

  • Scritto da Anna Maria Rengo

I casinò di Mendrisio e Locarno presentano le loro iniziative congiunte e fanno il punto anche sulla prossima riapertura di quello di Campione d'Italia.

En plein di nuove iniziative, tra tanto poker e il debutto dell'Admiral jackpot, per i casinò Admiral ticinesi, quelli di Mendrisio e di Locarno, che si preparano anche all'ormai prossimo riavvio dell'attività di quello di Campione d'Italia.

A fare il punto sui progetti futuri ma anche su come le due case da gioco hanno gestito l'emergenza pandemica, sono i rispettivi Ceo, Michele Marinari e Michael BoyschauEmanuela Ventrici, head of casino operations di Ace Casino Holding (azionista unico delle due Case da gioco) e il poker manager del Casinò di Mendrisio Cristiano Ruiu.

“Era necessario consolidare la nostra brand awareness attraverso un'immagine positiva del marchio che ci differenziasse dai nostri concorrenti. Abbiamo colto l’occasione dell’introduzione dell’Admiral Poker Room e dell’Admiral Jackpot per distinguerci dalla concorrenza con un linguaggio visivo moderno e inconfondibile, oltre a rafforzarci nella direzione della fedeltà al marchio con le nuove generazioni del futuro”, affermano Ventrici, Marinari e Boyscheau.

Nel sottolineare come "il 90 percento dei nostri giocatori viene dall'Italia", Marinari traccia un primo e buon bilancio dell'andamento del Casinò di Mendrisio: "Nonostante le difficoltà abbiamo mantenuto i posti di lavoro e puntiamo a tornare ai livelli di incassi del periodo pre Covid, che abbiamo utilizzato per studiare nuove iniziative, come quelle relative al poker e l'Admiral jackpot".

Quest'ultimo, spiega Boyschau, "sarà introdotto a marzo del 2022 ed è collegato tra i due casinò. Si può vincere con qualsiasi giocata, sarà fuori tassazione, nel senso che l'intera vincita andrà al giocatore, e sarà dunque vinto in Ticino". Il “mistery” premierà con vincite fino a 500.000 franchi i più fortunati giocatori di slot machines delle due case da gioco ticinesi. L’Admiral Jackpot potrà essere vinto indistintamente giocando a una delle oltre 500 slot machines presenti tra Mendrisio e Locarno a partire da una puntata minima di 0.01 centesimi.

Il Ceo del Casinò di Locarno evidenzia inoltre come molta clientela nella sua Casa da gioco sia legata al turismo e come si "cerchi di migliorare sempre la nostra offerta, per esempio attraverso un calendario di eventi che andranno avanti fino al 24 dicembre e che proseguiranno nel 2022".

A illustrare i progetti relativi al poker è Ruiu, che sottolinea che "buona parte della community di poker viene dall'Italia" e che "per molte case da gioco il poker è considerato un peso, per noi è invece uno strumento in linea con le strategie di comunicazione della holding".

Partner tecnologico della nuova Admiral Poker Room, che aprirà al Casinò Mendrisio dal 1° gennaio, è Swiss Shufflers Ltd, che equipaggerà i suoi nuovi tavoli con la nuova generazione di card shufflers, miscelatori di carte. 

L'attenzione si focalizza, inevitabilmente, anche su Campione d'Italia: problema oppure opportunità?

Per Ruiu "l'augurio è che con la riapertura di Campione il Ticino torni a essere quello che è sempre stato per il poker. Personalmente non penso che sia una concorrenza, ma una cooperazione. Penso ad esempio alle Wsop: quando si tengono a Las Vegas anche i casinò che non le ospitano sono contenti, perchè c'è un amplimento dell'offerta che dà ai giocatori la possibilità di scegliere".

Da parte sua, Ventrici sottolinea: "L'apertura di Campione è una novità annunciata, si trattava solo di avere chiara la tempistica. Noi siamo pronti. Sapevamo che sarebbe accaduto e ci fa piacere che ci sia un'offerta che possa stimolare e attirare tanti giocatori. Certo, dopo la chiusura di Campione, sia il casinò di Lugano che quello di Mendrisio hanno avuto un vantaggio, ma alcuni giocatori sono venuti a mancare. Certamente noi abbiamo approfittato al meglio di questa pausa di Campione cercando di fidelizzare i giocatori: è logico che una parte di essi, al momento della riapertura, deciderà di tornare alla loro casa di appartenenza, ma riusciremo a trattenere una parte di coloro che non ci conosevano prima. Se siamo stati bravi, riusciremo a vedere i risultati anche dopo la riapertura di Campione, e certo, la sua chiusura è stata un'opportunità per incassare di più! Voglio inoltre ricordare la comunità campionese, che ha sofferto in questi anni".

Share