Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Fatf: 'Le Filippine rafforzino i controlli sui junket'

  • Scritto da Mc

La Fatf torna a esortare le Filippine a rafforzare i controlli sui junket che operano nei casinò.

L'organismo di vigilanza con sede a Parigi, la Financial Action Task Force (Fatf) ha nuovamente affermato che le Filippine devono dimostrare che il paese sta utilizzando i controlli antiriciclaggio (Aml) e combattendo il finanziamento del terrorismo (Cft) "per mitigare i rischi associati ai junket dei casinò”.

La raccomandazione è stata fatta in un aggiornamento pubblicato dal Fatf, in merito alla sua "lista grigia" di giurisdizioni che ritiene necessitino di un maggiore monitoraggio in relazione al rischio di reati finanziari.

Le Filippine sono state aggiunte alla "lista grigia" a giugno. All'epoca, il Fatf aveva affermato che l'impegno di cooperazione del paese con l'organizzazione includeva "la dimostrazione che i supervisori stanno utilizzando i controlli Aml/Cft per mitigare i rischi associati ai junket dei casinò".

Le Filippine hanno un settore dei casinò e dei giochi online significativo e in crescita che in tempi pre-pandemia cercava clienti da tutta la regione Asia-Pacifico e oltre.
Nel suo comunicato, il Fatf ha riconosciuto che, da giugno, le Filippine hanno “fatto passi avanti per migliorare il proprio regime Aml/Cft”. Ma ha elencato un totale di otto aree in cui si dovrebbe fare di più. Questo secondo un piano d'azione precedentemente presentato dalle autorità filippine. Tra i cambiamenti necessari c'erano i controlli per mitigare i rischi associati ai junket dei casinò.

Secondo un documento di ricerca del Fondo monetario internazionale, pubblicato a maggio, l'aggiunta di un paese alla lista grigia del Fatf può comportare una "riduzione ampia e statisticamente significativa degli afflussi di capitale". I paesi nella lista grigia devono presentare relazioni sui progressi al Fatf tre volte l'anno.
Dal 2000 al febbraio 2005, le Filippine erano in un elenco Fatf di "paesi e territori non conformi" in relazione al monitoraggio finanziario - noto anche come "lista nera" - secondo le informazioni pubblicamente disponibili del Fatf.

A gennaio, il Senato e la Camera dei Rappresentanti filippini hanno rispettivamente approvato emendamenti alla legge sul riciclaggio di denaro del paese, nota come Amla, aggiungendo gli operatori di gioco offshore filippini (Pogo) e i loro "fornitori di servizi" come "persone coperte" ai sensi della legislazione. Uno degli obiettivi dichiarati di quella mossa era quello di evitare di entrare nella lista grigia del Fatf.

 

Share