Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Mgm, le opere di Picasso vendute per 110 milioni di dollari

  • Scritto da Mc

Mgm mette in vendita all'asta 11 opere di Pablo Picasso, incassando 110 milioni di dollari.

Una selezione di 11 opere di Pablo Picasso sono state messe all'asta per un totale complessivo di oltre 110 milioni di dollari, dopo essere state esposte per anni in un ristorante di Las Vegas.

Parte della Mgm Resorts Collection, i pezzi erano un segno distintivo del ristorante francese e spagnolo "Picasso" del Bellagio Hotel, che si ispira alla vita e al lavoro dell'artista.
In concomitanza con il 140° compleanno dell'artista, Mgm ha affermato che l'asta è stata la "più grande e significativa" vendita di opere d'arte mai tenuta a Las Vegas. Organizzata da Sotheby's, è stata la prima vendita serale della casa d'aste che si è svolta fuori New York.

L'attrazione principale dell'asta è stata "Femme au béret rouge-orange", o "Donna con un cappello arancione-rossastro", un ritratto del 1938 dell'amante e musa di Picasso Marie-Thérèse Walter.
La relazione dell'artista spagnola con Walter durò dalla fine degli anni '20 agli anni '30 e nel 1935 venne alla luce la loro figlia Maya. I ritratti di Walter di Picasso sono caratterizzati da colori vividi e un senso di intimità.
Inizialmente stimato tra i 20 ei 30 milioni di dollari da Sotheby's, alla fine è stato venduto all'asta per oltre 40 milioni di dollari.

Picasso, che visse dal 1881 al 1973 e trascorse gran parte della sua vita adulta in Francia, è spesso soprannominato il padre fondatore dello stile pittorico cubista - e "Femme au béret rouge-orange" ha alcune somiglianze con i suoi famosi ritratti successivi della sua amante Dora Maar.

L'asta comprendeva anche due nature morte di ispirazione cubista dei primi anni '40 durante la seconda guerra mondiale - con "Nature morte au panier defruits et aux fleurs" venduto per 16,6 milioni di dollair, mentre "Nature morte aux fleurs et au compotier" è stato venduto per 8,3 milioni di dollari.

Nel frattempo, "Homme et enfant", o "Man and child", che secondo Sotheby's rifletteva il suo stile spontaneo successivo e il suo ruolo di padre, è stato venduto per poco più di 24 milioni di dollari.
Tuttavia, sono state le opere di basso profilo a superare enormemente le loro stime, con la terracotta dipinta del 1962 "Le Déjeuner sur l'herbe" - ispirata all'omonimo dipinto di Edouard Manet del 1863 - che ha venduto per oltre quattro volte la sua più alta valutazione.

L'asta comprendeva anche una brocca bianca scolpita con tre facce scolpite sulla sua superficie. L'opera, prodotta da Picasso nel 1954, è stata valutata tra 60.000 e 80.000 dollari, ma è stata venduta per 315.000.
Alcune opere hanno anche rivelato dettagli intimi sulla vita e l'opera di Picasso, con una piastrella di ceramica che mostra la finestra del suo laboratorio "La Californie", che si affacciava sul mare nella città di Cannes, nel sud della Francia.

In un comunicato stampa di agosto, Mgm aveva affermato che l'asta avrebbe aiutato ad "approfondire la diversità e l'inclusione" all'interno della sua collezione d'arte. Secondo Sotheby's, parte del ricavato sarà reinvestito nel mercato dell'arte.

Un portavoce della Mgm ha detto tramite Sotheby's che la collezione del gruppo contiene ancora altre 12 opere di Picasso che sostituiranno gli oggetti messi all'asta al ristorante "Picasso" del Bellagio.

Share