Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Crown Resorts, verso vaccino obbligatorio per clienti e dipendenti

  • Scritto da Mc

La compagnia australiana di casinò Crown Resorts cerca di introdurre una politica di vaccinazione Covid obbligatoria per il personale e i visitatori.

Il dibattito sull'obbligatorietà dei vaccini, non solo per i clienti dei casinò, ma anche per i loro dipendenti, tiene banco un po' in tutto il mondo. La compagnia australiana di casinò Crown Resorts, per esempio, sta cercando di introdurre una politica "no jab, no entry" per gli scommettitori e di promuovere la vaccinazione Covid obbligatoria per tutti i suoi membri del personale.

L'amministratore delegato Steve McCann si sta consultando con la forza lavoro di Crown e i dipartimenti governativi per sviluppare una politica per le tre sedi del gigante del gioco a Perth, Sydney e Melbourne, come riferisce The West Australian.
"Chiunque lavori o visiti i nostri siti dovrà essere vaccinato", afferma McCann.
“Ovviamente dobbiamo affrontare alcune delle sfide... e questo fa parte del processo di consultazione. È importante mostrare un po' di leadership. Siamo un grande datore di lavoro e l'ospitalità è stata duramente colpita. Di solito è uno dei primi settori a entrare in lockdown e l'ultimo a uscire. C'è molta incertezza del personale riguardo alla sicurezza del lavoro ... ci sono molte sfide specifiche per l'ospitalità, motivo per cui dobbiamo mostrare una certa leadership".

McCann sottolinea che il governo dell'Australia occidentale ha fatto "molto bene" per contenere il Covid, il che significa che Crown Perth è stato in grado di aprire mentre i casinò di Melbourne e Sydney sono stati chiusi durante il blocco. Stiamo facendo del nostro meglio per garantire un ambiente sicuro e lo vogliamo in tutte le nostre strutture".

Crown Perth è il più grande datore di lavoro a sede singola dello stato, con una forza lavoro di circa 6.000 persone.
A livello nazionale, più della metà della sua forza lavoro di 20.000 persone è stata vaccinata.

 

Share