Logo

Florida, sì a tre nuovi casinò e Trump scalda i motori

La Florida approva l'accordo tra Stato e Seminole che consente tra l'altro tre nuovi casinò, uno scenario di interesse per Donald Trump.

La Camera della Florida ha approvato il contratto di gioco d'azzardo tra lo Stato e la Seminole Tribe of Florida, aprendo la strada alla tribù per operare scommesse sportive online ed espandere la propria attività di casinò con tre nuove sedi.

In cambio la tribù pagherà allo stato un minimo di 500 milioni di dollari all'anno, la Camera ha votato 97 contro 17 a favore del patto che è stato redatto dal governatore Ron DeSantis e dalla tribù e durerà per i prossimi trent'anni, offrendo ai Seminole diritti esclusivi sulle scommesse sportive.

All'inizio della settimana il Senato aveva approvato il disegno di legge con 39 voti a favore a 1 contro, il che significa che ora il disegno di legge andrà al governo federale e alla Corte federale per l'approvazione finale, che non è scontata. Ci si aspettano sfide legali, sia in termini di esclusività per le scommesse sportive online e il permesso di costruire altri tre casinò.

In una dichiarazione successiva all'approvazione, la Seminole Tribe afferma: “Oggi, tutto il popolo della Florida è vincitore, grazie all'approvazione legislativa del Gaming Compact tra lo Stato della Florida e la Seminole Tribe della Florida. È una partnership storica e reciprocamente vantaggiosa tra lo Stato e la tribù Seminole che avrà un impatto positivo su tutti i floridiani per i decenni a venire ".

Tuttavia un dettaglio del contratto di gioco d'azzardo è stato trascurato. Ovvero, che la tribù non è autorizzata a presentare ricorso contro alcuna decisione da parte dei legislatori statali se dovesse offrire una licenza di casinò a un operatore esterno, purché sia ​​a quindici miglia dall'attuale Hard Rock Hotel & Casino Hollywood.
È interessante notare che ciò consentirebbe al Doral Golf Resort dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che si trova leggermente al di fuori del raggio di quindici miglia, di richiedere alla fine una licenza di casinò.
Trump ha acquisito il resort nel 2012 e ha 250 milioni di dollari per ristrutturarlo e aggiornarlo e solo di recente il figlio di Donald Trump, Eric Trump, il vice presidente esecutivo della Trump Organization, ha dichiarato l'interesse delle aziende a richiedere una licenza di casinò per il resort.

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552, Tutti i diritti riservati