Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Atlantic City: non solo di Covid, è tempo di investimenti

  • Scritto da Mc

I casinò di Atlantic City stanno programmando e realizzando numerosi investimenti nelle loro strutture.

Con le restrizioni Covid-19 che limitano il numero di persone che possono giocare d'azzardo all'interno e le entrate e i profitti che precipitano, questo potrebbe non sembrare il momento migliore per i casinò di Atlantic City per spendere molto in ristrutturazioni.
Eppure, proprio questo stanno facendo, investendo milioni di dollari in vista di un futuro post pandemia che tutti speriamo sia ormai prossimo.

L'ultimo ad aprire il libretto degli assegni aziendale è Hard Rock, che ha dichiarato all'Associated Press che spenderà 20 milioni di dollari per rinnovare le suite degli hotel, aprire un punto vendita Starbucks, acquistare nuove slot machine e giochi da tavolo, aggiungere un nuovo ristorante e aggiornare i suoi servizi sulla spiaggia.

L'annuncio arriva poche settimane dopo quello dell'Ocean Casino Resort, che ha reso noto che sta spendendo 15 milioni di dollari per gli aggiornamenti al piano del casinò, così come per i servizi all'aperto come piscine, cabine e la spiaggia, mentre l'Harrah's ha svelato tre nuovi ristoranti, un nuova spa e un bar della hall rinnovato.

La società madre di Harrah, Caesars Entertainment, ha recentemente delineato le specifiche dei 400 milioni di dollari che ha promesso alle autorità di regolamentazione del gioco d'azzardo del New Jersey che spenderà nei suoi tre casinò di Atlantic City (Caesars, Harrah's e Tropicana) durante le udienze per il cambio di proprietà dello scorso anno.
E Bally's Corp. sta investendo 90 milioni di dollari nell'omonimo casinò di Atlantic City che ha acquisito da Caesars Entertainment lo scorso anno.
Entrambi questi investimenti saranno realizzati nell'arco di tre anni.

Ancora, Resorts aprirà una nuova area di giochi da tavolo elettronici alla fine del mese con 19 terminali, e quest'anno farà un "investimento significativo" in nuove slot machine e aprirà un nuovo ristorante.

Hard Rock sta aprendo il suo portafoglio meno di tre anni dopo aver speso mezzo miliardo di dollari per demolire l'ex casinò Trump Taj Mahal e trasformarlo in un casinò resort Hard Rock.
E lo fa in un mercato depresso dalle restrizioni Covid-19 e dall'esitazione di alcuni giocatori e turisti a tornare ai casinò di persona. Numerose misure di salute e sicurezza sono state messe in atto dalla riapertura dello scorso luglio, inclusa la limitazione dell'occupazione del piano del casinò al 50 percento.

"Dobbiamo rinvigorire Atlantic City", ha detto il presidente dell'Hard Rock Joe Lupo. "Con il calo delle entrate, ci sono tanti visitatori là fuori. Il mercato è diventato più competitivo. Quelle proprietà, come l'Hard Rock che ne fanno parte a lungo termine, stanno investendo i loro dollari ora".

Per Hard Rock, la maggior parte dei 20 milioni di dollari andrà alla ristrutturazione di 91 suite per gli ospiti, ma ogni stanza d'albergo nel complesso avrà anche nuovi televisori e illuminazione.
Verranno inoltre apportati aggiornamenti audio all'Hard Rock Live del casinò, all'Etess Arena e ai luoghi dei concerti Sound Waves. Lo spazio per riunioni e congressi sarà rinnovato, così come la piscina coperta.

L'epidemia di coronavirus ha fatto precipitare i profitti di oltre l'80 percento l'anno scorso nei nove casinò di Atlantic City, e le cose sarebbero andate peggio se non fosse stato per la continua crescita del gioco d'azzardo su Internet e un piccolo aiuto dalle scommesse sportive.
Ma il virus non durerà per sempre e quando i clienti torneranno a frotte, i casinò vogliono che vengano nelle loro strutture.

Secondo i calcoli di Lupo, ci sono tre "nuove" società di casinò ad Atlantic City: la sua, che ha aperto Hard Rock nel giugno 2018; l'imminente partnership del 50 percento nel casinò Ocean dalla famiglia Ilitch di Detroit (Ocean ha aperto lo stesso giorno dell'Hard Rock); e la nuova Caesars Entertainment, che ha mantenuto il nome ma ha adottato la gestione dell'ex Eldorado Resorts nella fusione dello scorso anno.

"Con questo nuovo investimento nasce la necessità per le nostre aziende di garantire che il loro prodotto e l'esperienza che offrono soddisfino le esigenze delle persone, soprattutto in un momento in cui la città è in declino da quando abbiamo riaperto a luglio", ha detto. “Ci rendiamo conto di avere un'opportunità. Il cambiamento costante offre ai nostri visitatori qualcosa di nuovo da guardare al futuro, e questo è sempre stato importante ad Atlantic City".

E la concorrenza arriva anche da "fuori", quindi dai casinò in Pennsylvania, Delaware, New York e altri stati del nord-est che stavano divorando il mercato di Atlantic City anche prima della pandemia.

 

 

 

Share