Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Riapre il Casinò Lugano, Frapolli: 'Finito un duro periodo'

  • Scritto da Amr

Torna in attività il Casinò di Lugano, il Ceo Frapolli evidenzia il nuovo contesto ma anche il lungo e duro periodo vissuto.

Riapre domenica 18 aprile alle 24.00, dopo più di quattro mesi di chiusura, il Casinò Lugano. “È la fine di un periodo duro”, sottolinea Gianmaria Frapolli, Ceo della casa da gioco. “Anche questa chiusura è stata impegnativa per l'azienda e soprattutto per i suoi dipendenti che tornano volentieri al lavoro dopo un’altra lunga sosta. Per noi questa è la cosa più importante. Una parte dello staff è stata operativa e ha lavorato per migliorare il Casinò. Chi è rimasto a casa è stato sempre in contatto e aggiornato sui lavori in corso. Nessuno di noi ha mai mollato".

I clienti potranno accedere alle sale a partire dalla mezzanotte di domenica 18 aprile. E troveranno un contesto diverso. Rinnovato, migliorato, arricchito nell’offerta di gioco sia nelle sale slot, con più di 500 apparecchi disponibili e l’opportunità di giocare per 29 jackpot, sia nella sala dedicata al live gaming. Infatti, con le new entry dei giochi francesi, la regina del Casinò - la roulette francese - lo chemin de fer i tavoli presenti aumentano a un numero complessivo di 30.

Ovviamente, per la sicurezza dei giocatori e dei dipendenti, in tutta la struttura vengono mantenuti tutti i dispositivi di protezione in conformità a quanto predisposto dai protocolli sanitari: dai separatori in plexiglas per i tavoli e le slot ai purificatori d’aria Airsteril in ciascuna sala, dalle colonnine dispensatrici di gel igienizzante dislocate in tutto l’edificio alle mascherine e guanti fino alla pulizia costante delle postazioni.

“Come abbiamo dichiarato attraverso la nostra campagna 'Giochiamo a tutto ma non con la salute', per noi è di fondamentale importanza il rispetto delle norme, il rispetto per salute, il rispetto per le persone”, conclude l'Ad.

 

Share