Logo

Regno Unito, Gc multa operatore online per 6 milioni di sterline

La britannica Gambling Commission multa l'operatore di gioco online Casumo per inadempienze in materia di antiriciclaggio e responsabilità sociale.

La Gambling Commission del Regno Unito ha multato l’operatore online Casumo di 6 milioni di sterline per inadempienze antiriciclaggio (Aml) e di responsabilità sociale.

La Ukgc cita alcuni casi: un giocatore di Casumo ha perso 1,1 milioni di sterline nel corso di tre anni, ma l’operatore non ha interagito per assicurarsi che giocasse in modo responsabile. Altri giocatori che non hanno ricevuto alcuna interazione hanno perso: un cliente 65mila sterline in un mese, un altro 76mila sterline in sette mesi e infine gli ultimi due rispettivamente 89mila sterline in un periodo di cinque ore e 59mila sterline in 90 minuti. La disposizione 3.4.1 del Codice di responsabilità sociale afferma che “i licenziatari devono interagire con i clienti in modo da ridurre al minimo il rischio che i clienti subiscano danni associati al gioco d’azzardo”, aggiungendo che ciò include l’identificazione di coloro che sono a rischio di danno.

I fallimenti in materia di procedure antiriciclaggio derivano dalla constatazione che i clienti potevano depositare “somme significative di denaro” senza assegni antiriciclaggio, mentre i controlli sulla fonte dei fondi sono risultati “insufficienti” in quanto le buste paga e le fatture presentate come prova di fondi non erano confermate da estratti conto bancari . La Commissione ha riscontrato che Casumo non aveva limiti di spesa interni basati su reddito, ricchezza o altri fattori noti. Queste mancanze hanno violato la Condizione di Licenza 12.1.1, che afferma che gli operatori devono avere sufficienti controlli Aml. Oltre alla multa di 6 milioni di sterline, Casumo ha ricevuto un avvertimento ufficiale e deve chiamare e pagare revisori indipendenti per assicurarsi che sia aggiornato con le condizioni di licenza e i codici di pratica (Lccp). Casumo ha affermato che le carenze sono state riscontrate in un audit condotto tra ottobre 2019 e 8 gennaio 2020, ovvero era nella sua “fase di avvio”.

Richard Watson, direttore esecutivo della Gambling Commission, afferma: “Questo caso è stato portato avanti attraverso un’attività di conformità pianificata e ogni operatore dovrebbe essere consapevole che continueremo ad agire con fermezza contro coloro che non riescono a innalzare gli standard”.

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552, Tutti i diritti riservati