Logo

Casinò e Covid, Governo Sud Corea posticipa pagamento delle tasse

Il Governo sudcoreano concede agli operatori di casinò una sospensione di 12 mesi sul pagamento delle imposte sulle vendite.

Il ministero della Cultura, dello sport e del turismo della Corea ha posticipato il termine entro il quale gli operatori di casinò della nazione devono pagare le tasse sulle vendite a causa dell'impatto sui loro ricavi della pandemia Covid-19.

Ai sensi della legge sulla promozione del turismo della Corea, tutti gli operatori di casinò sono tenuti a pagare una tassa di circa il 10 percento sulle vendite due volte all'anno, a giugno e settembre, al Fondo per lo sviluppo della promozione del turismo.

Nel 2019, tali tasse ammontavano a un totale di 284,9 miliardi di Krw (251 milioni di dollari americani) dai 17 casinò coreani, tuttavia la Korea Casino Tourism Association ha riferito che le vendite dei 16 casinò coreani per soli stranieri, escluso Kangwon Land, sono diminuite del 59 percento in un anno - da 1,45 trilioni di Krw (1,28 miliardi di dollari) nel 2019 a 598,3 miliardi di Krw (527 milioni di dollari) nel 2020.

Le vendite a Kangwon Land, l'unico casinò coreano in cui i locali possono giocare, sono diminuite del 68,5 percento anno su anno, toccando la quota di 478,58 miliardi di Krw (433 milioni di Usd).
 
Di conseguenza, questa settimana il ministero ha implementato revisioni al decreto sull'applicazione della legge sulla promozione del turismo che consente di posticipare il termine fiscale fino a un anno se un operatore ha difficoltà a pagare il pagamento.
© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552, Tutti i diritti riservati