Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Covid, la Cambogia chiude i confini: duro colpo per i casinò

  • Scritto da Amr

La Cambogia rafforza le misure contro la pandemia: la chiusura dei confini incide negativamente sui casinò.

Tutti uniti da un problema comune, il Covid. Ma con differenti soluzioni per combatterlo, e che vanno a impattare in maniera più o meno significativa sulle location di gioco e sui casinò in particolare. Ultimo caso in ordine di tempo è quello della Cambogia, che ha vietato ai suoi cittadini i viaggi in uscita attraverso i suoi confini, nel tentativo di arginare la diffusione dell'infezione da Covid-19, ha riferito il Khmer Times, citando il capo della polizia nazionale del Paese. Dalle informazioni disponibili non è chiaro se il divieto si applica solo alle frontiere terrestri o anche ai viaggi aerei in uscita.

In termini di viaggi in entrata in Cambogia, una giurisdizione del casinò popolare tra le persone delle nazioni vicine che non hanno giochi d'azzardo legali, è stato riferito alla fine di febbraio che il confine terrestre con la Thailandia a Poipet era ancora chiuso come un contromisura pandemica.

La direzione della Donaco International Ltd, società quotata in Australia, operatore di Star Vegas Resort and Club, un complesso di giochi cambogiano su quel confine, lo ha menzionato durante una conferenza sugli utili. Ciononostante, il casinò resort era rimasto aperto e cercava clienti da altri mercati, ha osservato la direzione.

La situazione del Covid-19 all'interno della Cambogia ha portato alla chiusura temporanea del casinò resort NagaWorld a Phnom Penh, anche se domenica la provincia del paese di Preah Sihanouk ha permesso al Jin Bei Casino and Hotel complex nella capitale provinciale di Sihanoukville di riaprire. Secondo quanto riferito, i viaggi dentro e fuori quella provincia sono ancora vietati.
Il nuovo divieto di viaggiare in uscita è stato annunciato dal capo della polizia nazionale, il generale Neth Savoeun, a tutti i comandanti regionali, secondo il Khmer Times e altri organi di stampa.

Il generale ha menzionato specialmente i viaggi di andata in Thailandia come vietati.
Ma le autorità provinciali della Cambogia dovrebbero accettare il ritorno dei lavoratori migranti se sono cittadini cambogiani e metterli in quarantena. Tutti gli stranieri che hanno tentato di entrare illegalmente in Cambogia via terra sono stati arrestati e verranno rimandati indietro attraverso la stessa zona di controllo, hanno riferito i notiziari.

La Cambogia ha assistito a un numero crescente di casi di infezione da Covid-19 dal mese scorso. Il conteggio nazionale dei casi di Covid-19 è 1.504.

 

 

Share