Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Nevada, incassi casinò in calo 'solo' del 19,5 percento a ottobre

  • Scritto da Mc

I casinò del Nevada reggono all'urto della pandemia: incassi in calo soltanto del 19,5 percento a ottobre.

I ricavi dei giochi del Nevada sono diminuiti del 19,5 percento a ottobre, segnando il calo mensile più basso dello stato da quando la pandemia di coronavirus ha chiuso l'industria dei casinò per 78 giorni a partire da marzo.

Il Gaming Control Board rende noto che i casinò hanno raccolto quasi 822,7 milioni di dollari dai clienti durante il mese, rispetto agli oltre 1,02 miliardi nell'ottobre 2019.
Il calendario potrebbe essere stato di aiuto.

Michael Lawton, analista di ricerca senior del Control Board, sottolinea infatti che ottobre ha avuto due giorni di fine settimana in più rispetto a un anno fa. Inoltre, le entrate dei giochi da tavolo sono state la cifra migliore da quando i casinò hanno riaperto a giugno, con 256,8 milioni di dollari, in calo solo del 20,4 percento rispetto a un anno fa.

L'ANDAMENTO ANNUALE - In tutto lo Stato, i ricavi dei giochi sono diminuiti del 36,05 percento fino a ottobre, un dato che è la media dei cali del 45,5 percento a giugno, del 26,2 a luglio, del 39,2 ad agosto e del 22,4 percento a settembre. I ricavi dei casinò sono diminuiti di oltre il 99 percento sia ad aprile che a maggio.

NEVADA DIVISO IN DUE - A ottobre il Nevada si è rivelato uno stato diviso in due: nord contro sud. I casinò di tutta la contea di Washoe hanno aumentato i ricavi dei giochi complessivamente del 6,12 percento, compreso un aumento del 6 percento a Reno, un aumento del 22 nel North Lake Tahoe e un aumento del 10,9 nel mercato di South Lake Tahoe.
Storia diversa nella contea di Clark, dove i ricavi dei giochi sono diminuiti del 23,6 percento. La Strip di Las Vegas ha registrato un calo dei ricavi del 30,2 percento a ottobre, il calo minore del mercato quest'anno. I ricavi dei giochi in centro sono diminuiti del 22,7 percento e lungo la Boulder Strip del 25 percento. In crescita invece la comunità rurale di Mesquite e la contea di Clark.

"L'andamento dei mercati nel Nevada settentrionale, oltre a Mesquite e all'equilibrio della contea di Clark, è stato il risultato del calendario favorevole e del fatto che questi mercati si basano su una combinazione di traffico drive-in e gioco locale", afferma Lawton. "La ripresa sarà disomogenea tra i mercati che si basano sul gioco locale rispetto ai mercati che si basano maggiormente sui viaggi aerei di destinazione".

C'è un punto luminoso sulla Strip: i ricavi del baccarat, 57,7 milioni di dollari, sono cresciuti del 3,5 percento nonostante un calo del 42,7 delle giocate. I casinò, banco fortunato, detengono il 14,6 percento di tutte le scommesse sul baccarat.

Chad Beynon, analista di giochi di Macquarie Securities, ha affermato che i casinò della Strip hanno registrato i ricavi mensili di gioco più alti dalla pandemia. Tuttavia, le restrizioni che hanno iniziato martedì a ridurre la capacità all'interno dei casinò dal 50 al 25 percento a causa dell'aumento dei numeri del Covid-19, danneggeranno i totali delle entrate in futuro.

"I ricavi del gioco dovrebbero affrontare continui venti contrari, dato l'aumento dei casi in Nevada e le maggiori restrizioni", ha detto Beynon.
A ottobre, i ricavi dei giochi sulla Strip sono diminuiti del 43,6 percento, la downtown di Las Vegas è scesa del 35,8 percento, mentre la contea di Washoe è in calo del 23,8.
I risultati dei casinò di Strip hanno rappresentato l'82 percento del calo totale di ottobre e l'87 percento del calo in tutto lo stato dalla ripresa dell'attività del casinò.

LE SCOMMESSE SPORTIVE - In tutto lo stato, le scommesse sportive hanno ricevuto puntate per 659,6 milioni di dollari, un aumento del 21,3 percento e un record di tutti i tempi per un solo mese, battendo il precedente record di 614,5 milioni lo scorso ottobre. I ricavi, tuttavia, sono diminuiti dell'11,5 percento e sono stati pari a 42,4 milioni.
I giocatori d'azzardo sportivi del Nevada hanno piazzato il 57,1 percento di tutte le scommesse - 376,9 milioni di dollari - su app di scommesse sportive mobili.

LE VISITE A LAS VEGAS - Il Covid-19 ha continuato a frenare il volume dei visitatori a Las Vegas, che è sceso anno su anno a ottobre del 49,4 percento, a quasi 1,86 milioni di turisti. Ma la buona notizia è che il numero totale di visitatori è cresciuto del 9 percento rispetto a settembre. Nei primi dieci mesi dell'anno, il volume dei visitatori è diminuito del 54,2 percento.
Tuttavia, per il settimo mese consecutivo, Las Vegas ha calcolato uno zero per la partecipazione alle convention poiché le limitazioni di capacità hanno eliminato riunioni e conferenze.
Le restrizioni per la pandemia di coronavirus appena inasprite dal governatore Steve Sisolak in risposta all'aumento dei casi di Covid-19 in tutto lo stato influenzeranno le visite durante il fine settimana della festa del Ringraziamento.
Le riaperture degli hotel alla fine di settembre e all'inizio di ottobre hanno portato il numero di camere disponibili a Las Vegas a 140.658. L'occupazione totale è stata del 46,9 percento per il mese e l'occupazione del fine settimana ha raggiunto il 64,2 percento. L'occupazione infrasettimanale ha raggiunto il 38,6 percento, motivo per cui diversi resort hanno chiuso gli hotel dal lunedì al giovedì.
La tariffa media giornaliera di una camera della Strip era di 104,54 dollari a ottobre, in calo del 22,8 percento rispetto a un anno fa. Il ricavo per camera disponibile è stato del 59,7 percento, 49 dollari.

 

 

Share