Logo

Svizzera, il Ticino si adegua alle misure federali

Il Canton Ticino si adegua alle disposizioni del Consiglio federale: bar e ristoranti chiusi nei casinò dalle 23 alle 6.

Il Consiglio di Stato del Canton Ticino ha adattato le regole in vigore alle nuove disposizioni decise dal Consiglio federale. Le principali novità introdotte dalla Confederazione, si ricorda in una nota, riguardano la chiusura obbligatoria di bar e ristoranti, dalle 23 alle 6, e i limiti massimi di 50 spettatori per tutte le manifestazioni pubbliche e di 10 partecipanti per gli eventi privati.

Secondo il Consiglio di Staoto ticinese "le decisioni rese note mercoledì dal Consiglio federale" risultano "sostanzialmente in linea con quanto era già stato deciso dal Consiglio di Stato. L’intervento della Confederazione ha il pregio di creare uniformità tra i Cantoni in ambiti che superano i loro confini, rispettando tuttavia il nostro sistema federalista e le differenti sensibilità ed esigenze locali – ad esempio, nel settore della scuola.
Il Governo ticinese ha adattato le disposizioni cantonali, estendendo le norme federali applicate alla ristorazione (art. 4, 5 e 5a dell’Ordinanza Covid-19 situazione particolare) anche a tutte le strutture accessibili al pubblico nelle quali possono essere consumati alimenti e bevande (casinò, cinema, teatri, locali erotici e simili)".

Il Consiglio di Stato conferma infine il proprio messaggio alla popolazione sul comportamento da tenere durante questa fase dell’emergenza: "Le scelte giuste ci proteggono", specialmente per quanto riguarda la riduzione dei contatti personali, che vanno limitati.
In ogni situazione, la popolazione è invitata a rispettare le raccomandazioni che si sa essere efficaci per limitare la diffusione del virus: limitare i contatti, mantenere le distanze, indossare la mascherina coprendo naso e bocca, lavare frequentemente le mani, isolarsi immediatamente in caso di sintomi.

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552, Tutti i diritti riservati