Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Uk, Bgc: 'totale sgomento' per l'inversione del Governo sui casinò

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

Il Betting and Gaming Council (Bgc) scrive al Cancelliere del Regno Unito per esprimere il suo dissenso rispetto alla decisione di ritardare la riapertura dei casinò inglesi.

 

Doveva essere oggi la data di riapertura dei casinò di Inghilterra e, invece, no. Con un annuncio arrivato nella giornata di ieri, il Primo Ministro Boris Johnson ha annunciato che le case da gioco dovranno aspettare almeno il prossimo 15 agosto. Scatenando l'ira funesta degli addetti ai lavori, che avevano già organizzato la ripartenza, dopo aver abbassato la saracinesca dall'ormai lontano 20 marzo, quando fu disposto il lockdowon del Regno Unito, nel pieno della pandemia. Solo il 17 luglio il governo aveva affrontato l'argomento casinò, fissando una data per la riapertura, mentre altri luoghi di gioco come i negozi di scommesse (dal 15 giugno) e le sale da bingo (dal 4 luglio) sono già stati autorizzati ad aprire le porte ai clienti.
Tuttavia, con la reintroduzione di misure di blocco più rigide nel nord dell'Inghilterra, Johnson ha affermato che era necessario "premere il pedale del freno" per facilitare ulteriormente il blocco in altre parti del paese.
Una decisione accolta con sgomento dal Betting and Gaming Council (Bgc), che aveva fatto pressioni sul governo per riaprire, o almeno stabilire un calendario per la riapertura dei casinò e che proprio poche ore prima si era congratulata per la scelta dei premier di Inghilterra e Scozia di optare per la riapertura.

“SCELTA ILLOGICA” PER BGC - In una lettera prontamente inviata al ministro delle finanze del Regno Unito, il cancelliere Rishi Sunak, l'amministratore delegato di Bgc Michael Dugher descrive l'inversione a U come "altamente illogica, incoerente e profondamente dannosa per quelle aziende e migliaia di personale che impiegano". Dugher afferma che la strategia del governo nel trattare il Covid-19 sembra essere "in disordine". "Ci è stato detto che la strategia era quella di passare ai blocchi regionali e locali, ma l'annuncio del governo oggi costringe tutti i casinò a rimanere chiusi", scrive il Ceo nella nota. “È anche vero che le nuove restrizioni dovrebbero essere incentrate sulle famiglie che non si mescolano, non sulla chiusura delle attività".
Citando i consigli del governo nei quali si afferma che alle famiglie era permesso avvalersi di opzioni di ospitalità come bar e pub.
La lettera di Dugher evidenzia anche l'affermazione di Johnson secondo cui attività come i casinò sarebbero a rischio più elevato, qualcosa che ha detto essere "bizzarro e del tutto sbagliato". Bgc sottolinea che gli operatori di casinò hanno investito molto nel rendere sicure le loro proprietà, installando schermi in perspex, attrezzature per la sanificazione e impiegando sistemi di tracciamento e tracciamento per proteggere i clienti. L'industria si era anche coordinata con il Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport e la sanità pubblica in Inghilterra per garantire che tutti i luoghi fossero pronti per riaprire dal 1° agosto.
 
RISCHIO OCCUPAZIONALE - "Quest'ultimo fiasco rappresenta un duro colpo per l'industria dei casinò che ora rimarrà chiusa per quasi cinque mesi", continua Dugher. “I casinò sono una parte fondamentale della nostra industria del tempo libero, dell'ospitalità, dell'intrattenimento e del turismo”. Un settore che impiega direttamente oltre 14mila persone, oltre a sostenere indirettamente altri 4mila posti di lavoro nel Regno Unito, pagando oltre 5,7 milioni di sterline a settimana nel 2019.
Tuttavia, ha avvertito che gli operatori, dopo aver speso milioni per la riapertura dei piani, incluso il richiamo del personale licenziato, ora sembravano essere costretti a "licenziamenti significativi" a causa del pesante costo delle chiusure.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.