Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Grosvenor: 'Inghilterra, governo autorizzi i casinò a riaprire'

  • Scritto da Mc

Si moltiplicano gli appelli perché i casinò inglesi siano autorizzati a riaprire.

Il capo di Rank Group John O’Reilly, la cui società gestisce i Grosvenor Casinos, ha invitato il governo a consentire la riapertura dei casinò in Inghilterra. L'industria dei casinò riteneva che l'apertura del 4 luglio per molte altre attività avrebbe consentito anche quella dei casinò, tuttavia il governo del Regno Unito ha deciso di mantenere le porte dei casinò chiuse ai propri clienti.

Sul sito del Betting & Gaming Council, che ha già preso posizione su quanto stabilito, è stata pubblicata la risposta di John O’Reilly: "Fino ad oggi è stata una settimana sconcertante, per molti aspetti: come secondo più grande operatore di bingo nel Regno Unito, siamo stati felici quando il governo ci ha dato il pollice in su per riaprire i nostri luoghi di Mecca Bingo in Inghilterra dal 4 luglio. Abbiamo lavorato duramente insieme alla Bingo Association per garantire che le nostre linee guida per la sicurezza anti Covid fossero in linea con quelle del governo. Come avevamo sperato e anticipato, abbiamo ricevuto il via libera.

Abbiamo lavorato tanto duramente con i nostri colleghi dei casinò e con il Bgc per assicurarci di essere in una posizione altrettanto forte per garantire la riapertura dei nostri casinò Grosvenor in Inghilterra dalla stessa data. I funzionari di supporto di Dcms sono stati coinvolti in ogni fase del processo e abbiamo incorporato il loro feedback costruttivo per presentare una serie completa di linee guida, oltre a ciò che crediamo sia richiesto dalle autorità e previsto dai nostri colleghi e clienti.

Essere esclusi dalla tranche di imprese del 4 luglio, quindi, è stato un duro colpo. Stiamo lottando per comprendere la logica, ma piuttosto che soffermarmi sull'ingiustizia della decisione, incoraggio i membri del governo e i principali responsabili delle decisioni a venire e testimoniare, di prima mano, ciò che siamo in grado di garantire in sicurezza colleghi e clienti.

Tutti i nostri casinò in Inghilterra sono stati completamente attrezzati con le distanze sociali e altre misure di sicurezza. Abbiamo installato divisori in perspex tra tutte le macchine (macchine da gioco e roulette elettronica) e abbiamo creato schermi in perspex tra le posizioni sedute ai tavoli del blackjack e della roulette, nonché nei bar. I piani a cui ci siamo impegnati per la gestione e la pulizia dei chip insieme allo smaltimento delle carte sono progettati per offrire la massima sicurezza ai clienti. Tutta la nostra segnaletica di distanza sociale è pronta e sono state installate stazioni sanitizzanti per le mani. Negli ultimi 3 mesi abbiamo speso molto tempo, denaro e sforzi per preparare i nostri casinò alla riapertura più sicura possibile.

I clienti non visiteranno luoghi che considerano non sicuri ed è nostro compito fornire ambienti che rassicurino sia i nostri colleghi che i nostri clienti, essendo il più sicuri possibile. In questo momento, i nostri casinò sonno tutti sicuri, ma i nostri clienti fedeli e pazienti non hanno nessun posto dove andare.
È fondamentale che il governo, non da ultimo il Ministero del Tesoro, comprenda l'impatto che ha tenere al margine i nostri affari e quelli dei nostri colleghi.

Siamo stati enormemente grati per il sostegno del governo, principalmente attraverso il Cjrs, ma per prepararci alla riapertura abbiamo dovuto rimettere i costi nel business. In Rank, stiamo bruciando denaro a un tasso di 10 milioni di sterline al mese, anche tenendo conto delle entrate digitali. Per ogni giorno in cui i nostri casinò Grosvenor rimangono chiusi, la liquidità sul nostro bilancio viene drenata. Allo stesso tempo, continuiamo a fare affidamento sui pagamenti del governo per la stragrande maggioranza dei nostri 4.600 colleghi Grosvenor che costano circa 1,5 milioni di sterline ogni settimana.

Mentre restiamo chiusi, i nostri casinò ovviamente non contribuiscono alle entrate fiscali che, prima del blocco, erano nella regione di 1,5 milioni di sterline a settimana. Siamo desiderosi quanto il Cancelliere di tornare al lavoro in sicurezza e iniziare a generare entrate che consegneranno le entrate fiscali al Tesoro e far muovere il flusso di cassa nella giusta direzione

A condizione che possiamo riaprire al più presto, con il supporto di Unite e del Gmb, la nostra intenzione è di riportare tutti i nostri colleghi al lavoro, utilizzando l'accordo di part-time e, nel fare ciò, speriamo ancora di evitare eventuali licenziamenti nei prossimi mesi in cui possiamo valutare e ricostruire la domanda dei clienti. Ovviamente, questo piano è sempre più difficile da eseguire ogni settimana che passa con i nostri casinò ancora chiusi.

In breve, stiamo chiedendo al governo di rivedere rapidamente la decisione di tenere chiusi i casinò, di riconoscere le misure di sicurezza in atto tra cui la nostra capacità di identificare tutti i clienti nei nostri locali e con chi potrebbero aver interagito e includerci - il più presto possibile - quando verrà discussa la prossima opportunità di riapertura. In tal modo, porteremo rapidamente i colleghi al lavoro, come hanno voglia di fare, offriremo ai clienti un'esperienza ultra-sicura e gratificante nei nostri locali e inizieremo a invertire l'onere economico che sta costando sempre di più al governo e alla nostra attività ogni giorno che passa".

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.