Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

San Marino, chiusura Diamond prorogata al 20 aprile

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Anche il 'casinò' della Repubblica del Titano resta ulteriormente chiuso a causa della pandemia.

Come ampiamente previsto, anche il governo sammarinese ha prorogato le misure, che sarebbero dovute restare valide fino a oggi 6 aprile, che prevedono tra l'altro la chiusura di tutte le location di gioco, a cominciare dal “casinò” gestito, nella zona industriale di Rovereta, dalla Giochi del Titano Spa. La proroga durerà fino al 20 aprile ed entro quella data, a seconda dell'andamento della pandemia, si deciderà se, cosa e come riaprire, quindi allo stesso modo di quanto si sta facendo in Italia, anche se in questo caso il lockdown è programmato fino al 13 aprile.

La decisione del governo sammarinese non giunge inaspettata per la sala Diamond, i cui numeri di marzo erano in calo già prima della chiusura, avvenuta l'8 marzo. Nei primi sette giorni del mese, gli unici in cui il casinò era rimasto aperto, gli incassi avevano sfiorato, stima Gioconews.it, i 286mila euro, vale a dire il 31 percento in meno sullo stesso periodo del 2019, mentre il progressivo annuale restava positivo: 3.600.000 euro, il 5,47 percento in più. Gli ingressi di marzo erano in calo del 25 percento, ed erano stati pari a 2.560, portando il progressivo annuo a quota 36.059, lo 0,46 percento in meno. Infine, nei primi sette giorni di marzo c'erano stati 137 clienti nuovi.

IL COMMENTO DI CARONIA – Ovviamente, c'è poco da commentare sui dati di marzo: il direttore generale della Giochi del Titano Spa, Salvatore Caronia, si sofferma sulle prospettive future: “C'è da aspettarsi, inevitabilmente, che il nostro settore, come i cinema, i teatri e l'intrattenimento in generale, sarà l'ultimo a ripartire. Ma prima riparte qualcosa prima ripartiremo anche noi”.

Qual è la situazione dei vostri dipendenti?

“Al momento sono tutti in cassa integrazione, prevista per ora fino al 20 aprile dai provvedimenti emergenziali adottati a San Marino. Resta un piccolo presidio gestionale di cinque persone, me compreso, in funzione la mattina dal lunedì al venerdì”.

Come vede il futuro della Diamond?

“Sicuramente questa storia del virus sarà lunga a faccio fatica a pensare a come il mondo dell'intrattenimento potrà ripartire. Credo che molto dipenderà anche dalla capacità del sistema sanitario di darci qualche indicazione in più, per esempio in merito ai protocolli da seguire per stabilire e certificare l'autoimmunità. Questi serviranno innanzitutto per il lavoro dipendente ma sarà un grande risultato anche per l'intrattenimento. Altrimenti bisognerà pensare e saranno stabilite misure come il distanziometro o l'uso di mascherine: sarà una strada più faticosa, affrontabile meglio nell'area slot e con assai maggiori difficoltà ai tavoli da gioco. Difficile, per ora, costruire una previsione. Siamo pronti a tutto ma mi auguro che la ricerca faccia un passo in avanti”.

Il Covid-19 ha provocato anche una momento di stop della realizzazione del vostro piano industriale, che prevedeva per esempio l'acquisizione dell'intero immobile...

“Purtroppo è così, ha messo in discussione le tappe che avevamo previsto e la proprietà è oggi giustamente impegnata in altre emergenze. Ora, parlando in generale, siamo nella fase della solidarietà, poi bisognerà passare alla fase della ricostruzione, altrimenti quello che ci aspetta sarà addirittura peggiore della pandemia. L'idea di un'Europa che consente alle imprese di avere liqidità può trasmettere psicologicamente non solo una capacità di lavoro ma anche un senso di sicurezza che si trasmette sui consumi, e allora la macchina può ripartire più velocemente. In questo momento, ritengo che la Repubblica del Titano debba accelerare sull'iter per aderire all'Unione europea e rientrare nel piano di aiuti che si sta predispondendo”.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.