Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Scandalo casinò in Giappone, nuove accuse contro Akimoto

  • Scritto da Mc

Si aggrava la posizione del politico pro casino in Giappone Tsukasa Akimoto.

Il legislatore che ha guidato la politica dei casino resort in Giappone è stato incriminato martedì con l'accusa di corruzione e ha ricevuto un nuovo mandato di arresto per presunto ricevimento di più denaro da un operatore di gioco cinese di quanto si sospettasse.

Tsukasa Akimoto, ex membro del Partito liberal democratico del primo ministro Shinzo Abe, è stato incriminato con l'accusa di aver ricevuto 3 milioni di yen in contanti nel suo ufficio di Tokyo il 28 settembre 2017, il giorno in cui la Camera dei Rappresentanti è stata sciolta per elezioni anticipate.

Insieme all'accusa, i pubblici ministeri gli hanno fatto recapitare un nuovo mandato di arresto per presunto ricevimento di ulteriori 2 milioni di yen dalla società cinese 500.com Ltd, in segno di riconoscimento del fatto che il suo viaggio alla sede centrale di Shenzhen nel 2017, costato 1,5 milioni di yen, era anch'esso stato pagato dalla società e costituisce dunque corruzione.

I pubblici ministeri ritengono che Akimoto abbia accettato complessivamente più di 7 milioni di yen di tangenti, tra cui circa 700.000 di spese per il viaggio della sua famiglia a Rusutsu, nell'Hokkaido, nel febbraio 2018.
Il quarantottenne, membro della Camera bassa, ha rassegnato le dimissioni dal partito al potere in seguito al suo arresto il 25 dicembre e ha negato qualsiasi illecito, dicendo che non ricorda di aver ricevuto denaro e che il suo segretario si è occupato di tutti i pagamenti per i suoi viaggi, secondo un avvocato difensore.

I pubblici ministeri hanno anche incriminato l'ex segretario di Akimoto, Akihiro Toyoshima, 41 anni, in relazione al caso.
Altre tre persone - Zheng Xi, 37 anni, ex dirigente dell'unità giapponese della ditta cinese, Masahiko Konno, 48 anni, e Katsunori Nakazato, 47 anni, che erano entrambi consulenti dell'operatore del gioco d'azzardo - sono stati i destinatari di nuovi mandati di arresto.

Il Giappone ha recentemente legalizzato i casinò nei cosiddetti resort integrati, comprendenti anche hotel e strutture per conferenze, nella speranza di attirare più turisti stranieri e di rilanciare l'economia dopo i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo.
La società cinese aveva chiesto ad Akimoto di aumentare a cinque il numero di località di casinò previste in Giappone a gennaio 2018, nel periodo in cui aveva manifestato interesse a partecipare a un progetto di casinò nell'Hokkaido.
Akimoto era noto come sostenitore della legalizzazione dei casinò ed era responsabile della supervisione della politica del governo volta a introdurre i resort quando ha servito come vice ministro senior presso l'ufficio del gabinetto per circa un anno, fino a ottobre 2018.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.