Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Filippine: regolatore difende l'uso dei Pogo, veri casinò offshore

  • Scritto da Redazione GiocoNews.it

Il regolatore del gioco delle Filippine Pagcor si risponde alle preoccupazioni sull'istituzione di due hub di gioco dedicati a ospitare gli operatori di gioco offshore filippini e cinesi.

Nessuna violazione dei diritti né carenza di sicurezza per i lavoratori cinesi e filippini impiegati nelle case da gioco off-shore delle Filippine. La risposta del regolatore Pagcor non tarda ad arrivare dopo che l'ambasciata cinese nelle Filippine aveva rilasciato una dichiarazione esprimendo le sue preoccupazioni per il trasferimento di lavoratori cinesi negli hub autonomi, situati a Clark e Cavite, mettendo in guardia contro l'incoraggiamento illegale di cittadini cinesi a giocare d'azzardo sia online che nei casinò terrestri.

La replica arriva oggi direttamente da Andrea Domingo, presidente di Pagcor, il quale spiega: “Apprezziamo e proteggiamo i diritti e la sicurezza dei lavoratori stranieri nel nostro paese nella misura in cui desideriamo che i diritti e la sicurezza dei lavoratori filippini all'estero siano valorizzati e protetti. Questi hub sono stati concettualizzati per rispondere e rispondere alle preoccupazioni che il management Pagcor ha ricevuto nel corso dei due anni da quando ha regolamentato l'industria dei giochi offshore.

“Con i lavoratori ospitati in siti specifici, Pagcor e altre agenzie governative competenti possono rispondere prontamente a tutte le loro preoccupazioni e proteggerle da molestie e danni – aggiunge - Inoltre, quando ci riferiamo a questi hub come 'comunità autonome', ciò non implica alcuna restrizione ai diritti personali o alle libertà dei lavoratori. Sono liberi di andare dove vogliono, fare quello che vogliono, nei limiti della legge".

La settimana scorsa l'ambasciata cinese ha ribadito la posizione del governo secondo cui "qualsiasi forma di gioco d'azzardo da parte di cittadini cinesi, incluso il gioco d'azzardo online, il gioco d'azzardo all'estero, l'apertura di casinò all'estero per attirare cittadini della Cina come clienti primari, è da ritenersi illegale. Visto che i Pogo e altre forme di gioco d'azzardo nelle Filippine si rivolgono ai cittadini cinesi come loro principali clienti. Un gran numero di cittadini cinesi è stato reclutato e assunto illegalmente nel settore del gioco d'azzardo filippino.
 
COSA SONO I POGO - La fornitura di servizi di gioco d’azzardo online ai cittadini filippini in locali pubblici o privati è illegale. Tuttavia, il paese ha rilasciato da qualche tempo delle licenze a società straniere e con sede nelle Filippine che sono interessate a svolgere i servizi di gioco d’azzardo online all’estero. Questo tipo di licenze vengono denominate appunto Pogo. Molte di queste strutture, indicate appunto come “Pogo”, si rivolgono a clienti di gioco d’azzardo cinesi, il che significa che i loro lavoratori devono conoscere bene il mandarino. Ciò spiega il numero di cittadini cinesi impiegati nel settore locale.
In seguito alla recente disciplina introdotta a livello locale, l’Agenzia delle Entrate Interne filippina (Bir) ha richiesto a tutti gli operatori di gioco d’azzardo online, stranieri e con sede nelle Filippine, autorizzati dall’ente regolatore locale Pagcor, di registrarsi presso gli uffici del fisco, a seguito delle preoccupazioni che il settore filippino del gioco d’azzardo potesse essere diventato un veicolo per lavoratori irregolari dalla Cina. Dopo aver incaricato anche un’unità speciale interagenzia guidata dal Dipartimento del Lavoro e l’Impiego e dall’Ufficio dell’Immigrazione delle Filippine, per rintracciare e monitorare i cittadini cinesi che lavoravano nel gioco d’azzardo online della nazione. Sul punto c'è stato anche un'audizione in Commissione del Senato dedicata alla materia, durante la quale si è discusso del flusso di lavoratori stranieri nel paese. Secondo i rapporti, più del 90 percento di tutti i cittadini arrestati o accusati nel 2018 provenivano dalla Cina e la maggior parte di loro lavorava nel settore del gioco d’azzardo nazionale.
 
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.