Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò e giochi, chi sale e... chi sale a gennaio

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Gioconews.it analizza l'andamento dei casinò italiani il mese passato: il segno accanto alla voce incassi è positivo per tutti e tre.

Che dire? C'è solo da augurare loro di proseguire così. Gennaio 2020 è stato un mese decisamente positivo per i casinò italiani, che lo concludono tutti e tre con incassi in crescita rispetto a un anno fa. Tutto questo mentre il quarto casinò, quello di Campione d'Italia, resta ancora desolatamente chiuso, in attesa di risposte che però potranno arrivare solo dal Governo centrale, cui è demandato il delicato e complicato compito di trovare delle soluzioni anche giuridiche per la sua possibile riapertura.
Nel frattempo, la consueta analisi di Gioconews.it inizia da quello che ha avuto l'andamento migliore, quello di Saint Vincent.

QUI SAINT VINCENT - L'anno inizia nel migliore dei modi al Saint Vincent Resort & Casino, che sta riuscendo appieno a realizzare quanto previsto nel piano di concordato omologato lo scorso anno.
Il mese di gennaio si chiude infatti con un incasso di gioco di 6.274.683 euro, il 23,46 percento in più rispetto al 2019 (più 1.192.308 euro), con ingressi pari a 35.495 in aumento sullo stesso mese del 2019 (più 10,51 percento), di cui 4.109 clienti nuovi, il 13,07 percento in più rispetto al 2019.
Analizzando nel dettaglio i dati, i tavoli chiudono il mese nel loro complesso con un risultato positivo del 33,03 percento (più 653.085 euro). Tra i giochi risultano con segno negativo la fairoulette (meno 23,99 percento) e la roulette americana (meno 14,64 percento). Con segno positivo lo chemin de fer (più 255 percento), la roulette francese (più 22,98 percento), il trente et quarante (più 114,89 percento), il poker Saint-Vincent (più 3,33 percento). il poker ultimate (più 66,90 percento), il black jack (più 1456,76 percento), i craps (più 158,46 percento) e il punto banco (più 15,78 percento). Le slot machines incassano nel mese 3.644.640 euro (più 17,36 percento), rispetto allo stesso mese del 2019, in termini assoluti, 539.223 euro in più.
Il progressivo annuo, come ovvio, è scritto sopra, mentre nei dodici mesi non coincidenti con l'anno solare la Casa da gioco valdostana ha incassato 61.823.195 euro, vale a dire il 6,49 percento in più rispetto ai dodici mesi che si sono conclusi a gennaio 2019.

QUI VENEZIA – Se a Saint Vincent si guarda all'anno appena iniziato con ottimismo, stessa aria positiva tira a Venezia, dove peraltro sono in corso i lavori di restyling e ampliamento della sede di terraferma, Ca' Noghera.
La Casa da gioco ha infatti chiuso gennaio con 9.875.589 euro di incassi, il 19,88 percento in più rispetto allo stesso mese dell'anno passato. Calano invece gli ingressi: se ne sono contati 59.792, il 7,45 percento in meno.
Analizzando in dettaglio i dati, emerge il buon andamento delle slot, che incassano 4.953.934 euro, il 2,77 percento in più, ma anche quello di quasi tutti i giochi lavorati. Fa eccezione infatti la roulette, che chiude a 201.334 euro, il 174,98 percento in meno, e il punto banco, che perde il 2,49 percento e si ferma a quota 1.325.790 euro. Ma per il resto è, come detto, una sfilata di segni più: fair roulette 1.578.468 euro (più 48,65 percento), chemin de fer 784.825 euro (più 11,1 percento), poler cash 231.767 euro (più 32,55 percento), black jack 799.359 euro (più 108,82 percento).
Nell'anno non solare che si è concluso a gennaio 2020, le due sedi del Casinò hanno incassato 94.438.717 euro, il 2,58 percento in meno rispetto all'anno non solare precedente. Ma se si proseguirà con questo trend, si tornerà in tempi assai rapidi a una variazione percentuale positiva.

QUI SANREMO – Anche se in terza posizione, quindi ultimo, pure il Casinò di Sanremo inizia l'anno con il segno più, quindi nello stesso modo con cui aveva lasciato il 2019.
Il mese passato il contatore incassi della Casa da gioco matuziana ha segnato quota 3.914.431 euro, il che rappresenta una variazione positiva dell'1,83 percento rispetto allo stesso periodo del 2019. Crescono anche gli ingressi, del 2,31 percento, per un totale di 15.748.
Scorrendo la lista dei giochi e il loro andamento, saltano agli occhi i tantissimi caratteri “neri”, ossia positivi: in calo è solo la roulette far, che chiude a 48.017 euro, il 69,92 percento in meno, e il black jack, con i suoi 85.099 euro, vale a dire il 38,41 percento in meno. I restanti giochi hanno tutti un segno positivo, a cominciare dalle slot, che incassano 3.144.951 euro, il 3,90 percento in più, per proseguire con la roulette francese, che cresce del 7,43 percento (451.121 euro). Bene anche il poker, sia cash (115.669 euro, più 73,69 percento) che a torneo (25.783 euro, più 57,35 percento). Per finire in bellezza, il punto banco, che cresce del 167,04 percento e si ferma a quota 43.790 euro.
Nell'arco di tempo che va da febbraio 2019 a gennaio 2020 il Casinò ha incassato 44.472.365 euro, il 3,34 percento in più rispetto ai dodici mesi precedenti.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.