Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò e giochi, chi sale e chi scende a settembre

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Gioconews.it analizza l'andamento delle Case da gioco italiane il mese passato: incassi in crescita a Sanremo e Saint Vincent.

Settembre in chiaroscuro per i casinò italiani, ovviamente escludendo quello di Campione d'Italia, la cui chiusura, dal 27 luglio 2018, ha letteralmente messo in ginocchio l'intera comunità senza che al momento ci siano prospettive concrete per la sua riapertura. Ma tornando a parlare di quelli attivi, c'è da segnalare l'andamento positivo di due di essi, che chiudono il mese con con una crescita degli incassi. In terza posizione, e con il segno negativo, Venezia.

QUI SANREMO - Continua il buon momento del Casinò di Sanremo, in attesa di decisioni ufficiali sull'assunzione, o meno, di un nuovo direttore generale. Gli incassi di settembre sono stati infatti pari a 3.616.558 euro, vale a dire un buon 4,95 percento in più rispetto allo stesso mese dell'anno passato.
In flessione,invece, gli ingressi: sono scesi del 5,54 percento e se ne sono contati 14.387.
A determinare l'andamento positivo sono soprattutto le slot, che incassano 3.073.414 euro, il 6,17 percento in più, ma il segno positivo è abbastanza generalizzato. La roulette francese chiude a 155.220 euro, il 46,81 percento in più, non seguita dalla cugina fair, che invece perde il 54,64 percento e si feerma a quota 61.309 euro. In calo anche il poker cash, 84.641 euro (meno 32,03 percento) e anche quello a torneo (24.304 euro, meno 16,42 percento), mentre il black jack cresce del 22,33 percento (104.769 euro) e il punto banco del 53,11 percento (108.912 euro). Infine, il sic bo, introdotto ad agosto, ha incassato 3.897 euro e non è ovviamente possibile fare il paragone con l'anno passato.
Nei primi nove mesi dell'anno, la Casa da gioco matuziana ha incassato 34.747.584 euro, un solido 5,26 percento in più rispetto allo stesso periodo del 2018, ma anche nei dodici mesi non coincidenti con l'anno solare e conclusi a settembre il risultato è positivo: il contatore incassi segna 44.606.970 euro, vale a dire il 3,60 percento in più.

QUI SAINT VINCENT – In attesa dell'udienza per l'omologa del concordato, fissata per il 16 ottobre in tribunale ad Aosta, continua il lungo momento d'oro del Casinò valdostano. Il mese di settembre si chiude, al Saint Vincent Resort & Casino, con un incasso di gioco pari a 4.517.893 euro, il 2,05 percento in più rispetto al 2018 (più 90.689 euro) e con ingressi pari a 26.802, in calo sullo stesso mese del 2018 (meno 9,26 percento).
Analizzando nel dettaglio i dati, i tavoli chiudono il mese nel loro complesso con un risultato positivo del 7,46 percento (più 112.308 euro). Tra i giochi risultano con segno negativo la fairoulette (meno 21,63 percento), il trente et quarante (meno 32,01 percento) e il punto banco (meno 17,34 percento). Con segno positivo lo chemin de fer (più 77,19 percento), la roulette francese (più 437,83 percento), i craps (più 158,99 percento), il poker ultimate (più 124,53 percento), il poker Saint Vincent (più 1.472,16 percento), la roulette americana (più 19,42 percento) e il black jack (più 26,48 percento). Le slot machines incassano nel mese 2.899.713 euro (meno 0,74 percento ), rispetto allo stesso mese del 2018, in termini assoluti, 21.619 euro in meno.
Gli incassi su base annua sono pari a 45.722.311 euro (più 8,73 percento) rispetto ai primi nove mesi del 2018. Gli incassi dei tavoli sono pari a 18.240.603 euro (più 11,90 percento) e per le slot ammontano a 27.481.708 euro (più 6,72 percento). Gli ingressi sono 255.767 (meno 1,89 percento).
Per quanto riguarda la tendenza degli ultimi dodici mesi, il saldo totale è di 61.509.108 euro, un buon 7,76 percento rispetto all'anno non solare finito a settembre 2018.

QUI VENEZIA – In terza posizione, nella solita “classifica” dei casinò tricolori, si colloca stavolta quello di Venezia. La Casa da gioco chiude settembre con incassi pari a 7.588.355 euro, vale a dire il 14,08 percento in meno rispetto allo stesso mese del 2018. Calano anche gli ingressi, pari a 56.864 unità, per una variazione negativa nel 4,82 percento.
Il dato di settembre 2019, che come affermato anche con il Casinò si deve confrontare con i buoni risultati che erano stati ottenuti nell'omonimo 2018, evidenzia un calo degli incassi alle slot pari al 9,44 percento: in totale, le stesse hanno totalizzato 4.190.742 euro. Scendono anche le roulette: la francese dell'84,28 percento (164.675 euro) mentre la fari del 3,85 percento (1.175.898 euro). In flessione pure il punto banco: meno 19,71 percento, con incassi per 711.021 euro. Vanno invece bene tutti gli altri giochi: lo chemin de fer incassa 381.977 euro (11,86 percento), il poker cash 175.563 euro (più 14,2 percento) e il black jack, con i suoi 788.478 euro, cresce di un buon 42.65 percento.
Nei primi tre trimestri dell'anno il Casinò ha invassato 70.969.578 euro, vale a dire il 3,76 percento in meno rispetto all'analogo periodo del 2018. Il dato tendenziale, quindi gli incassi del periodo ottobre 2018-settembre 2019, salgono invece a quota 94.810.014 euro, l'1,56 percento in meno rispetto ai dodici mesi immediatamente precedenti.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.