Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò e giochi, chi sale e chi scende a luglio 2019

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Gioconews.it analizza l'andamento delle Case da gioco il mese passato: sul fronte incassi segno positivo per tutte e tre.

Luglio ricco, per gli incassi dei casinò italiani, anche se il saldo complessivo è nettamente inferiore a quello dello scorso anno, mancando all'appello quelli di Campione d'Italia, struttura chiusa ormai da oltre dodici mesi.
La consueta analisi di Gioconews.it parte da quello che ha avuto l'andamento migliore, Saint Vincent, tenendo presente però che tutti e tre chiudono luglio con un incremento dei loro incassi.

QUI SAINT VINCENT - Luglio decisamente positivo per la Casa da gioco valdostana, un trend ormai costante e che si consolida nel mese in cui si è felicemente concluso (in attesa dell'omologa) l'iter sul concordato preventivo. Il mese si chiude infatti, al Saint Vincent Resort & Casino, con incassi di gioco pari a 5.396.549 euro, il 12,89 percento in più rispetto al 2018 (616.180 euro in più in termini assoluti) e con ingressi (27.281 in totale) in calo rispetto allo stesso mese dell'anno passsato (meno 6,68 percento).
I tavoli chiudono il mese nel loro complesso con più 19,84 percento (394.539 euro in più). Tra i giochi risultano con segno negativo il black jack (meno 53,99), il poker texas hold’em (meno 100 percento, ma a differenza dell'anno passato non sono stati organizzati tornei), la roulette americana (meno 2,85 percento), il trente et quarante (meno 13,52 percento) e il Poker Saint Vincent (meno 66,41 percento) . Segno positivo hanno avuto lo chemin de fer (più 295,722 percento), la roulette francese (più 471,90 percento), il poker ultimate (più 1,44 percento), la fairoulette (più 41,19 percento, il punto banco (più 11,37 percento) e i craps (più 14,98 percento).
Quanto alle slot, incassano nel mese 3.013.318, con una variazione positiva del 7,94 percento (221.641 euro), rispetto al 2018.
Gli incassi dei primi sette mesi del 2019 sono pari a 34.684.433 euro, l'8,65 percento in più rispetto all'analogo analogo periodo del 2018. Gli incassi dei tavoli per i primi sette mesi sono pari a 13.876.350, euro, il 10,17 percento in più, e per le slot ammontano a 20.808.083 euro, il 7,66 percento in più. In leggero calo invece gli ingressi: se ne sono contati 190.8877, l'1,33 percento in meno.
Nei dodici mesi non coincidenti con l'anno solare e che si sono conclusi a luglio 2019, gli incassi di gioco sono stati pari a 60.599.608 euro, il 7,77 percento in più: un risultato che mostra la solidità della ripresa della Casa da gioco valdostana, al di là delle variabili che possono incidere, positivamente o negativamente, sull'andamento di un singolo mese.

QUI VENEZIA – Sul secondo gradino del podio il Casinò di Venezia, che chiude luglio con incassi pari a 8.151.364 euro complessivi per le due sedi, registrando così una crescita, rispetto allo stesso mese del 2018, che sfiora il 7 percento: più 6,99 percento per la precisione.
Il risultato fortemente positivo è il frutto di un trend crescente in tutti i giochi, fatta eccezione per la roulette francese, che incassa 382.259 euro, vale a dire il 38,03 percento in meno.
Ma la sequenza di segni positivi è davvero lunga: la fair roulette cresce dell'11,27 percento e incassa ben 1.179.356 euro. lo chemin del 7,11 percento (402.385 euro), il poker cash dell'82,45 percento (2119.385 euro), il black jack del 59,34 percento (768.180 euro) e il punto banco del 115,69 percento (385.764 euro). Ultime, ma solo in ordine espositivo le regine dei casinò, anche di quello veneziano: le slot machine incassano 4.814.033 euro, in aumento dello 0,61 percento rispetto allo stesso mese dell'anno scorso.
Sul fronte ingressi, il segno è invece negativo: a luglio 2019 se ne sono contati 51.666, vale a dire il 4,89 percento in meno.
Sette mesi sono un arco di tempo sufficientemente ampio per comprendere come stanno andando le cose nell'anno in corso: sotto questo profilo, il Casinò di Venezia incassa 54.260.972 euro, il 3,16 percento in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Nei primi sei mesi, però, la flessione era maggiore, e pari al 4,76 percento. Nel periodo che va da agosto 2018 a luglio 2019 la Casa da gioco lagunare introita 95.811.888 euro, l'1,41 percento in più rispetto ai dodici mesi ancora precedenti.

QUI SANREMO – Sul terzo gradino del podio si colloca il Casinò di Sanremo, la cui attività non viene frenata dall'attesa della nomina del nuovo consiglio di amministrazione e dalla ricerca di un nuovo direttore generale, sempre che si deciderà di assegnare l'inarico per il quale è stato emesso un avviso di ricerca.. L'asticella degli incassi si ferma a quota 3.591.036 euro, il che rappresenta una crescita dell'1,2 percento rispetto allo stesso mese dell'anno passato. Lievissima flessione invece sul fronte ingressi: sono stati 15.389, 9 in meno rispetto all'anno scorso, dunque un insignificante meno 0,06 percento.
Scendendo nel dettaglio dei dati, c'è da sottolineare il buon andamento delle slot machine: 2.979.086 il risultato di luglio, ossia il 6,9 percento in più.
Sul fronte dei giochi lavorati, la roulette francese perde il 54.21 percento, incassando 172.520 euro, mentre la variante fair cresce del 35,61 percento e si attesta a 92.245 euro. Bene i tornei di poker, che crescono del 70,45 percento (41.307 euro), mentre il cash cala del 31,16 percento, con introiti per 76.899 euro.
Infine, sostanzialmente stabile il black jack: con i suoi 80.488 euro, flette dello 0,60 percento, mentre il punto banco chiude luglio con incassi pari a 148.490 euro, il 48,19 percento in più.
Tracciamo un bilancio dei primi sette mesi: il contatore incassi, a Sanremo, sale a quota 25.413.063 euro, ossia il3,02 percento in più rispetto all'analogo periodo del 2018. Nei dodici mesi non solari il totale è di 43.615.614 euro, in leggera flessione, lo 0,92 percento in meno, rispetto all periodo che va da agosto 2017 a luglio 2018.
 
IL PESO DI CAMPIONE – Un breve cenno, tanto per dare uno spunto di riflessione anche ai legislatori, su quanto è costato a Campione ma anche al territorio italiano, la chiusura, il 27 luglio 2018, del Casinò dell'enclave. Nei primi sette mesi dell'anno gli incassi complessivi dei casinò italiani sono calati del 27,66 percento, mentre nei dodici non coincidenti dell'anno solare il calo è stato del 28,08 percento.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.