Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò e giochi, chi sale e chi scende a ottobre

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Gioconews.it analizza l'andamento dei casinò italiani il mese passato: bene solo Saint Vincent.

Ancora un mese difficilissimo per i casinò italiani, con il perdurare della chiusura di quello campionese e l'annuncio dell'avvio della procedura di concordato preventivo per quanto riguarda quello di Saint Vincent.
Nonostante questo, sotto l'esclusivo profilo degli incassi, sul primo gradino del podio sale la casa da gioco valdostana, da cui parte dunque la consueta analisi mensile di Gioconews.it.

QUI SAINT VINCENT - Il mese di ottobre, che ha visto la nomina prima di un Cda e poi di un amministratore unico (Filippo Rolando), si chiude con un incasso di gioco, al Saint Vincent Resort & Casino, pari a 4.722.876 euro, il 3,06 percento in più rispetto al 2017, vale a dire 140.451 euro in più. Gli ingressi sono invece in calo, il 6,82 percento in meno rispetto allo stesso mese del 2017.
I tavoli chiudono il mese nel loro complesso con meno 5,20 percento (meno 106.571 euro). Tra i giochi risultano con segno negativo il punto banco (meno 20,49 percento), lo chemin de fer (meno 51,61 percento), il poker ultimate (meno 18,48 percento), la roulette americana (meno 18,71 percento), la fairoulette (meno 14,72 percento), il poker texas hold’em (meno 51,90 percento), il trente et quarante (meno 152,74 percento). Segno positivo hanno avuto la roulette francese (più 30,71 percento), il black jack (più 69,75 percento), i craps (più 254,19 percento), il Poker Saint Vincent (più 113,07 percento).
Le slot machines incassano nel mese 2.778.076 euro, il 9,76 percento in più rispetto al 2017 (più 247.021 euro).
Grazie a questo risultato, il contatore degli incassi 2018 sale a quota 46.775.073 euro, il che rappresenta una flessione dell'1,22 percento rispetto all'analogo periodo del 2017. Nei dodici mesi non coincidenti con l'anno solare, quindi da novembre 2017 a ottobre 2018, gli incassi sono stati invece pari a 56.767.822 euro, il 2,65 percento in meno rispetto ai dodici mesi ancora precedenti.

QUI VENEZIA - Ottobre in calo, per gli incassi di gioco del Casinò di Venezia, che si colloca comunque in seconda posizione stavolta, e resta saldamente al primo posto per quanto riguarda l'andamento annuale, un risultato che fa pendant con i buoni risultati di bilancio. Il mese si chiude infatti con 7.905.608 euro di introiti, vale a dire il 7,44 percento in meno rispetto a ottobre 2017, e sono in flessione, del 13,54 percento, anche gli ingressi, pari a 58.687.
Scendendo nel dettaglio dei dati, le slot flettono del 6,23 percento (3.975.551 euro), ed è marcato anche il calo della roulette francese (572.245 euro, meno 39.71 percento), come pure è segno meno pure per la variante fair (1.494.770 euro, meno 2,99 pervento), e per il black jack (661.562 euro, meno 13,14 percento). Cresce invece lo chemin de fer, con i suoi 396.495 euro (più 14,16 percento), il punto banco (626.029 euro, più 13,33 percento) e il poker cash: 178.954 euro, il 19,58 percento in più.
Nei primi dieci mesi dell'anno in corso, le due sedi della Casa da gioco incassano complessivamente 81.650.401 euro, l'8,56 percento in più rispetto al 2017. Il risultato dei dodici mesi non solari segna quota 97,030.364 euro: l'8,32 percento in più.

QUI SANREMO – In ultima posizione il Casinò di Sanremo, i cui investimenti e pax aziendale e politica non sembrano (ancora) dare i risultati sperati. L'asticella degli incassi si ferma infatti a quota 2.768.337 euro, un risultato in calo dell'8,78 percento rispetto allo stesso mese dell'anno passato e che si accompagna al segno negativo registrato anche agli ingressi: 12.045, vale a dire il 10,54 percento in meno. Da segnalare, d'altro canto, la ripresa delle slot: introitano il mese passato 2.469.749 euro, l'1,73 percento in più.
Per quanto riguarda gli altri giochi, la roulette incassa 36.115 euro, l'84.32 percento in meno. Molto meglio va la variante fair, che incassa 94.290 euro, il 99,58 percento in più. Il poker cash chiude a 49.733 euro, il 18,75 percemto in più. mentre i tornei calano del 3,21 percento, con 22.973 euro. Infine, il black jack incasssa 43.116 euro, il 58,72 percento in meno, e la flessione del punto banco (52.360 euro) è ancor più marcata: meno 67,16 percento.
Il risultato di ottobre non aiuta quello complessivo: nei primi dieci mesi la Casa da gioco matuziana incassa infatti 35.779.129 euro, il che rappresenta una flessione del 5,29 percento rispetto allo stesso periodo del 2017. Da novembre 2017 a ottobre 2018 il Casinò ha invece incassato 42.799.997 euro, il 4,02 percento in meno.

QUI CAMPIONE - Ovviamente, purtroppo, non c'è nulla da scrivere sul drammatico ottobre vissuto dai dipendenti del Casinò Campione d'Italia. La Casa da gioco ha chiuso i battenti lo scorso 27 luglio e le vie politica e giudiziaria per poterlo riaprire sono ancora aperte, ma dall'esito incerto. Nel 2018 il Casinò ha in tutto incassato 45.460.976 euro, il 39,70 percento rispetto a un anno fa. Un risultato destinato inevitabilmente a peggiorare.
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.