Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò e giochi, chi sale e chi scende nel 2019

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Gioconews.it analizza l'andamento dei casinò italiani l'anno scorso: bene St. Vincent e Sanremo, in calo Venezia, che cresce però a dicembre.

I casinò italiani, due su tre, chiudono il 2019 con incassi in crescita, anche se il saldo complessivo, a causa della perdurante chiusura di quello di Campione d'Italia, resta fortemente negativo rispetto a un 2018 in cui, fino al 27 luglio, ne esistevano quattro.
La consueta analisi di Gioconews.it parte da quello che a dicembre ha avuto l'andamento migliore, ossia quello di Venezia, anche se per quanto riguarda l'intero anno è stato Saint Vincent a registrare la crescita più significativa.

QUI VENEZIA – Il Casinò di Venezia ha motivo di festeggiare l'anno che si è appena concluso. Dopo un lungo e travagliato iter, infatti, si è raggiunta l'intesa sul nuovo contratto aziendale di lavoro, sono stati avviati i lavori di ampliamento e miglioria della sede di terraferma di Ca' Noghera e sono stati scongiurati i gravi rischi che si sarebbero corsi se al referendum per la separazione di Mestre da Venezia avesse vinto il “sì”: in realtà, il quorum non è stato neanche raggiunto.
Venendo ai dati, dicembre è stato un mese positivo per il Casinò: gli incassi sono infatti stati pari a 8.179.999 euro, vale a dire ben il 7,2 percento in più rispetto all'analogo mese del 2018, quando si era invece subita una flessione del 9,48 percento rispetto all'anno precedente. Vanno bene anche le slot, che incassano 5.099.499 euro, il 6,03 percento in più, ed è boom per lo chemin de fer che, con i suoi 226.075 euro, cresce addirittura del 676,82 percento. Sul fronte roulette, la francese scende del 34,48 percento (137.168 euro) ma la cugina fari cresce del 50.86 percento e si ferma a quota 1.338.751 euro. Tra gli altri giochi, cala del 30 percento il poker cash (117.060 euro), del 5,65 percento il black jack (475.285 euro) e del 23,23 percento il punto banco (786.168 euro).
Infine gli ingressi: sono scesi del 7,67 percento e se ne sono contati 60.967.

Il buon risultato di dicembre ha alleggerito il calo di altri mesi, pur non portando in positivo il segno finale. Ecco dunque il dato 2019: gli incassi sono stati pari a 92.800.744 euro e il calo, rispetto al 2018, è stato del 4,9 percento.

QUI SANREMO – Il Casinò di Sanremo ha vissuto un anno di grandi cambiamenti, anche se all'insegna della continuità e di una sostanziale stabilità. Il mandato del vecchio Cda è scaduto e, dopo una proroga, il rieletto sindaco Alberto Biancheri ne ha nominato uno nuovo, del quale è tornato a fare parte Gian Carlo Ghinamo e che vede come presidente Adriano Battistotti. Terza componente, Barbara Biale. Ai membri del Cda sono state assegnate importanti deleghe, così da far soprassedere, almeno per il momento, dall'idea di nominare un nuovo direttore generale in sostituzione di Giancarlo Prestinoni.

Venendo ai dati, dicembre non è stato un mese troppo fortunato e si è chiuso con 3.843.208 euro di incassi, l'8,5 percento in meno rispetto allo stesso mese del 2018, quando si era registrata una crescita del 3,34 percento. Tuttavia, è tempo anche di tirare le somme dell'anno appena concluso e per la Casa da gioco matuziana sono positive: con 44.431.092 euro incassati, si registra infatti una crescita del 3,64 percento, e sono cresciuti anche gli ingressi: 191.715, ossia l'1,61 percento in più. Il gioco online ha introitato in tutto 1.810.726 euro.

Tornando ai dati di dicembre, gli ingressi sono stati 16,982, il 3,96 percento in meno. Quando ai giochi, le slot sono calate del 3,22 percento e si sono fermate a quota 3.143.909 euro, mentre la roulette francese è scesa del 58,1 percento (190.081 euro) e la fair del 45,36 percento (91.814 euro). In calo anche il punto banco, che incassa 138.961, il 18,14 percento in meno.
Gli altri giochi sono però positivi: il poker a torneo cresce del 57.54 percento (42.166 euro), e il cash dell'89,04 percento (85.341 euro). Bene pure il blackjack, con 149.007 euro, il 68,15 percento in più. Il sic e bo, introdotto recenemente, incassa 1.927 euro.

QUI SAINT VINCENT – Il Casinò di Saint Vincent ha chiuso l'anno in maniera decisamente migliore rispetto a come l'aveva iniziato, avendo nel corso dei mesi concluso il percorso concordatario in tribunale e avendo dunque scongiurato, almeno per ora, il rischio del fallimento della società di gestione. Per di più, anche se gli ultimi mesi sono stati inferiori alle attese scaturite dall'andamento dei primi, gli incassi hanno registrato, dopo lungo tempo, una buona ripresa.
Il mese di dicembre si chiude, al Saint Vincent Resort & Casino, con un incasso di gioco pari a 5.310.615 euro, il 10,54 percento meno rispetto al 2018 (meno 625.527 euro) e con ingressi pari a 38.462, in crescita sullo stesso mese del 2018 (più 1,91 percento).
Analizzando nel dettaglio i dati, i tavoli chiudono il mese nel loro complesso con un risultato negativo del 26,39 percento (meno 650.168 euro). Tra i giochi risultano con segno negativo la fairoulette (meno 65,92 percento), il trente et quarante (meno 122,43 percento), il poker ultimate (meno 31,42 percento), la roulette americana (meno 10,38 percento)i craps (meno 6,84 percento) e il punto banco (meno 42,96 percento). Con segno positivo, la roulette francese (più 21,47 percento), lo chemin de fer (più 28,13 percento), il poker Saint Vincent (più 507,87 percento), il black jack (più 26,12 percento). Le slot machines incassano nel mese 3.497.549 euro (più 0,71 percento), rispetto allo stesso mese del 2018, in termini assoluti, 24.641 euro in più.
 
Gli incassi su base annua sono pari a 60.630.878 euro (più 4,83 percento) rispetto al 2018 (57.838.968). Gli incassi dei tavoli sono pari a 23.731.189 euro (più 2,84 percento) e per le slot ammontano a 36.899.689 euro (più 6,15 percento). Gli ingressi sono 348.643 (meno 0,58 percento).
 
Share