Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Se il casinò entra nella console: la denuncia a Dublino

  • Scritto da Vincenzo Giacometti

A Dublino invito al governo a rivedere la sua attuale legislazione sul gioco d'azzardo e ad adottare misure per frenare l'aumento dell'azzardo nei videogame domestici.

 

 

Nel momento in cui in Irlanda si discute – e molto – sulla regolamentazione del gioco d'azzardo, con qualche slancio anche in direzione proibizionista che ha portato anche all'ipotesi di restrizioni sulla pubblicità dei giochi, c'è anche chi si preoccupa di intervenire verso le altre forme di azzardo non convenzionali: per esempio quelle inserite all'interno alcuni videogiochi, attraverso le cosiddette “lootbox. O, peggio ancora, nel caso di un casinò online inserito all'interno di un videogioco domestico.
A tirar fuori l'argomento, in particolare, è Noel Rock, deputato del partito conservatore locale Fine Gael, riprendendo l'annuncio dei giorni scorsi relativo al videogame Grand Theft Auto V il quale conterrà un vero e proprio casinò al suo interno, con soldi reali che possono essere utilizzati per acquistare fiches. Tuttavia, lo sviluppatore ha precedentemente sostenuto che le fiches non possono essere incassate in cambio di denaro e che quindi ciò significa che non si tratta di gioco d'azzardo vero e proprio.

Parlando della questione, Rock ha dichiarato: “i videogiochi sono più popolari che mai, ma c'è stata una tendenza preoccupante per l'aumento della popolarità degli acquisti in-game. Per questo mi ha particolarmente preoccupato leggere di uno sviluppo di un casinò nella piattaforma online Gta e in particolare sul fatto che i giocatori possono usare denaro reale per acquistare fiches”.
Secondo Rock, questo rischio espone i giovani al gioco d'azzardo e che ciò crea una grande preoccupazione per le persone al di fuori del settore, visto che Grand Theft Auto è particolarmente popolare tra i giovani.
Il politico ha anche aggiunto ulteriori preccupazioni, per esempio sul fatto che: “in primo luogo, si stanno prendendo soldi dai giocatori per niente e in secondo luogo, e probabilmente è questa la cosa più preoccupante, si espone il gioco d'azzardo a un pubblico giovane in quanto, nonostante il divieto ai minori del gioco, è estremamente popolare tra i giovani adolescenti. Sono consapevole che il governo ha precedentemente indicato che questi acquisti sono coperti dal diritto del consumatore, ma credo che dobbiamo adottare un approccio proattivo in materia e considerare la possibilità di espandere la nostra legislazione sul gioco d'azzardo per coprire questa nuova tendenza".
"In alcuni casi, viene chiesto loro di pagare un importo significativo per un videogioco o in altri casi vi è la proposta mirata all'acquisto di ulteriori contenuti all'interno del gioco ma credo che lo sviluppo di questo casinò online in Grand Theft Auto sia un fare un passo troppo in là ", ha concluso il politico,

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.