Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Cardia: 'Dossier Campione al Viminale, si veda anche riordino gioco'

  • Scritto da Redazione

L'avvocato Geronimo Cardia evidenzia la necessità che il Viminale, che sta esaminando il dossier sul Casinò Campione, si occupi anche del riordino del gioco pubblico.

“Sembra finalmente muoversi qualcosa sulla risoluzione dell’annosa questione che da un anno blocca il Comune di Campione d’Italia, enclave italiana in territorio svizzero, dopo il fallimento del Casinò Municipale. Dallo scorso fine settimana è, infatti, sul tavolo del ministro dell’Interno Matteo Salvini, la relazione tecnica redatta dal commissario straordinario Maurizio Bruschi, incaricato dal Governo per predisporre il piano per la riapertura. Nella relazione vengono attentamente analizzate le ragioni della crisi, illustrato lo stato attuale delle procedure giudiziali, i debiti verso il Comune e le banche e, le possibili soluzioni per far ricominciare l’attività della casa da gioco".

Così Geronimo Cardia - avvocato, dottore commercialista e revisore contabile - si esprime sulle ultime novità riguardanti la chiusura del Casinò di Campione d’Italia: "Questa vicenda - osserva - riporta l’attenzione sulla necessità di un tempestivo e serio riordino del settore che rimuova gli errori tecnici espulsivi, compiuti negli anni a riguardo del comparto del gioco pubblico. Se infatti non si agisce sulle norme regionali e provinciali, che bloccano il settore, potrebbero essere tanti i dossier delle imprese del gioco pubblico che finiranno sul tavolo del ministro. È necessario che s’intervenga, senza ulteriori ritardi, anche per il riordino dell’intero comparto del gioco pubblico impedendo, così, la cancellazione dell’offerta pubblica di gioco, arginando al contempo la diffusione di quella illegale, attuando le giuste misure di contrasto al disturbo da gioco d’azzardo e contrastando altresì in modo concreto i problemi d’ordine pubblico che ne derivano”.

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.