Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

St. Vincent: 'Relazione Pagliero, mero esame di contratto Devere'

  • Scritto da Anna Maria Rengo

La società di gestione della Casa da gioco di St. Vincent replica alle dichiarazioni di Devere Concept sul supposto riferimento del commissario Pagliero all'illegittimità della rescissione del contratto siglato.

"In nessuna parte della relazione del commissario giudiziale (Ivano Pagliero) è dato rinvenire la affermazione (...) secondo cui 'l’unico ad essere autorizzato a tale rescissione contrattuale era il Tribunale di Aosta'". Lo precisa in una nota la società di gestione del Saint Vincent Resort & Casino, in rigferimento alle prese di posizione della Devere Concept, società che gestiva l'organizzazione dei tornei di poker ospitati dalla casa da gioco nel periodo in cui ne era amministratore unico Giulio Di Matteo.

"Tale affermazione - prosegue la Casino de la Vallée Spa - del resto, sarebbe stata tecnicamente non corretta, sia in ragione dell’erroneità del temine 'rescissione', sia perché il Tribunale è chiamato ad autorizzare solamente lo scioglimento di contratti ritenuti non funzionali alla esecuzione del Piano e non certamente la risoluzione conseguenza di gravi inadempimenti del contraente, che integra un diritto potestativo della parte adempiente. Tanto è vero che l’accenno contenuto sul punto nel parere del consulente del commissario non è stato recepito all’interno della Relazione".

Inoltre, "anche nel merito il contenuto delle affermazioni di Devere è del tutto fuorviante.
Infatti, il commissario giudiziale non ha espresso alcun giudizio in relazione alla legittimità o meno dell’iniziativa risolutoria assunta da Cava o alle pretese dell’una e dell’altra parte, esulando totalmente simile valutazione dal compito che egli è chiamato a svolgere. L’accertamento su tale tema è, infatti, di esclusiva competenza dei giudici del Tribunale e non del commissario giudiziale: tant’è che, se pure la relazione avesse contenuto una presa di posizione sul punto, la stessa non avrebbe avuto alcun tipo di valenza giuridica".

Il commissario Pagliero, osserva il Casinò, "si è invece limitato ad esaminare la vicenda contrattuale relativa a Devere, così come ogni altra questione incidente sul Piano di concordato, valutandone anche gli sviluppi più pessimistici al solo fine di verificare la tenuta del Piano in ogni possibile, per quanto remoto, scenario. Anche in relazione a quest’ultima gravissima vicenda diffamatoria, Cava si riserva ogni più opportuna iniziativa nei confronti di Devere".
 
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.