Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Reclamo fallimento Casinò Campione, avvocati Comune valutano dismissione mandato

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Gli avvocati incaricati dal Comune di Campione di presentare reclamo contro il fallimento della società di gestione del Casinò valutano se rimettere il mandato.

L'appuntamento è per il 22 novembre, in Corte d'appello a Milano. Quel che è certo è che gli avvocati incaricati dalla dichiarata fallita società di gestione del Casinò Campione d'Italia, nonchè quelli della Banca Popolare di Sondrio, si presenteranno, a dibattere i rispettivi reclami presentati contro la sentenza del tribunale di Como che ha, appunto, disposto il fallimento della società, un pronunciamento dello scorso 27 luglio cui ha fatto seguito, qualche ora dopo la chiusura della casa da gioco. Quello che invece è più incerto è se si presenteranno gli avvocati del Comune, incaricati con delibera della giunta allora guidata dal sindaco Roberto Salmoiraghi. L'azione di costituzione in giudizio è stata fatta ma la delibera di incarico prevedeva che non fosse direttamente l'ente a pagarli, ma alcuni soggetti a titolo privato. Fatto che, apprende Gioconews.it, non è ancora avvenuto, il che ha ovviamente suscitato del risentimento da parte degli legali che, per quanto non l'abbiano ancora fatto, stanno valutando la dismissione del mandato ricevuto.

Anche se questo avvenisse, non è detto che sarebbe una scura sull'esito dei reclami, volti a consentire la riapertura della Casa da gioco. Punto cardine del reclamo del Comune è infatti il concetto di non fallibilità della società, sul quale il tribunale lariano si era già espresso negativamente, mentre il Casinò sottolinea come tutti i creditori avessero accettato il piano di ristrutturazione economico e finanziario della società che era stato predisposto, fatta eccezione per il commissario liquidatore del Comune, Angela Pagano, che non lo aveva firmato, rendendo così impossibile la presentazione dello stesso in tribunale, Una mancata presentazione che ha portato, come conseguenza, alla sentenza di fallimento della società.
Se i legali del Comune dismetteranno il mandato, difficilmente il commissario prefettizio Giorgio Zanzi incaricherà altri, anche per mancanza di disponibilità finanziarie, e questo porterà alla decadenza del reclamo. Resteranno comunque in piedi gli altri due reclami.

ZANZI IN AUDIZIONE - In attesa dell'udienza, lunedì 12 novembre alle ore 15 al Pirellone a Milano, è in programma l'audizione del commissario Zanzi da parte della commissione regionale Italia - Svizzera che si soffermerà, appunto, sulla situazione del Comune di Campione d'Italia.

 

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.