Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò, occhio al mancato in caso dei titoli di credito cambiati

  • Scritto da di Mauro Natta

L'analista di gaming Mauro Natta evidenzia i rischi d'impresa connessi al mancato incasso dei titoli di credito cambiati nei casinò.

 

Tutti, bambini, ragazzini o adulti ci ritroviamo ad avere determinati convincimenti, giusti o errati che siano, disposti a modificarli se del caso. Tanto per fare un esempio c’è chi credeva convintamente all’esistenza di Babbo Natale e poi si è ricreduto negli anni, c’è chi riteneva la meritocrazia l’unica leva per una carriera lavorativa degna di nota e chi, pensa – beato lui che è rimasto uno dei pochi – che la politica significhi la scelta per ottenere il bene comune.

 

C’è anche chi – e, meno male, sono tanti – durante la vita lavorativa ha elaborato, vuoi sulla scorta dell’esperienza diretta, vuoi per la condivisione con colleghi, alcune verità degne di nota e con un fondamento matematico e inconfutabile.

Molto probabilmente, in una epoca dove il posto fisso è diventato un miraggio, certi accadimenti sono meno frequenti e, quando se ne incontra qualche esempio, pare di essere di fronte ad un evento di archeologia; d’altra parte si sente parlare sempre di più di archeologia industriale.

Il mio nonno materno (1854/1955) ha iniziato a navigare a 14 anni e nel 1898 si trovava a viaggiare su una grande nave a vela con partenza da Swansea e destinazione San Francisco, via Capo Horn. Nel 1928 cambia vita, sempre navigando; questa volta nel mondo esclusivo dello Yachting.

Tutta una vita lavorativa spesa in un solo tema ma con esperienze diverse e sempre più interessanti. Anch’io, dal 1959 per oltre 40 anni sono stato nel mondo delle case da gioco; ho svolto moltissime mansioni amministrative e tecniche ed ho cercato sempre di imparare qualcosa di nuovo dovendo ammettere che ho usufruito di ottimi maestri.

Rimanendo nel campo delle case da gioco ci sono, tra le tante, alcune esperienze, delle quali ho potuto verificarne l’utilità pratica, che mi hanno seguito in quel poco che ho svolto come consulente dal 2001 (in pensione il 31/12/2000).

La prima è quella relativa alla differenza tra introiti effettivi e introiti, come li avevamo battezzati, sulla carta. Questi ultimi si ricavano dal bordereau del tavolo e segnalato l’esito del gioco in quella giornata, gli altri sono quelli che tengono conto del “quantum” non incassato relativo all’esito di cui si è detto.

Tutti gli addetti ai lavori sono a conoscenza del rischio di impresa collegato al mancato incasso dei titoli di credito cambiati al casinò; depurando il risultato del bordereau dai crediti di gioco (comunque si dica credo che si resti nel campo delle obbligazioni naturali contro le quali non esiste azione legale mirata al recupero).

Una seconda è legata al controllo della regolarità del gioco e dei relativi incassi. Questa forma di controllo che può apparire complicata, bisognevole di enorme vigilanza e, quindi, un costo, si presenta di una facilità impensabile. Bene inteso nessuno può permettersi si non controllare l’andamento della partita, infatti esistono capi, ispettori ed impianti audio-video. La tipologia appena accennata va benissimo in quanto esercitata de visu giornalmente; quell’altra avviene su tempi diversi (ad esempio sei mesi) e si basa esclusivamente sul rapporto matematico tra mance ed introiti di uno stesso gioco.

Come in tutte le procedure, anche in questa forma di controllo, occorre – conditio sine qua non – seguire una prassi consolidata e certa nei risultati.

La necessità irrinunciabile consiste nel conteggiare le mance tavolo per tavolo (il risultato gioco per gioco è più utile, in quanto riepilogo, alla contabilità).
La motivazione sta nel fatto che, anche a distanza (infatti il raffronto non viene eseguito giornalmente o per brevi periodi), si può ricostruire l’eventuale anomalia che ha generato una discrasia relativamente al raffronto in discorso.
Appare evidente, e mi premuro ad affermare che trattasi solo ed esclusivamente di esempi, che pagamenti a seguito di piazzamenti “errati” possono generare anomalie, che errori di imbucare qualcosa che andava nell’insalata (gettoni rastrellati in quanto perdenti da riposizionare a budino, ndr) e che cambi “errati” di placche alterano o possono ragionevolmente alterare il raffronto.
Altrettanto reputo ragionevole e comprensibile come il conteggio mance effettuato tavolo per tavolo può intervenire a dare una eventuale spiegazione ad un riscontro non troppo anomalo.
Evidenzio – e sono felice di farlo - una procedura seguita in una casa da gioco italiana: il bordereau del tavolo e delle relative mance lo troviamo in un unico documento; se in allegato si trovassero note sull’andamento della partita si sarebbe raggiunto il massimo delle informazioni necessarie.
Definitivamente concludendo espongo un mio desiderio che spero di appagare prima che l’età mi crei ostacolo. Spesso ho sentito che il porteur viene compensato a provvigione e ciò mi pare giusto: quello che non riesco a comprendere è il perché detta provvigione sia calcolata sul cambiato.
Ecco il mio desiderio: trovare una metodologia atta a calcolare quanto il cambiato dai clienti procacciati interviene sul risultato del gioco.
Sicuramente non sarà una passeggiata a meno che non si adotti l’utilizzo dei gettoni non convertibili e si tenga debito conto degli stessi gettoni a mani clienti all’inizio e alla fine della manifestazione alla quale detti clienti partecipano.
Prima o poi metterò mani al progetto non so ancora con quale risultato; la problematica mi pare interessante in ogni caso!
L'AUTORE – Mauro Natta è stato segretario nazionale dello Snalc e ha lavorato nei casinò di Venezia e di Saint Vincent.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.