Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il governatore di Buenos Aires scuote il mercato dei casinò

  • Scritto da Redazione

Il governatore di Buenos Aires ordina la chiusura di tre casinò della provincia per limitare l'accesso dei residenti al gioco. Mentre si va verso un nuovo sistema di licenze.



Questa settimana il governatore di Buenos Aires, María Eugenia Vidal ha confermato di aver ordinato la chiusura il 31 dicembre di un casinò a Valeria del Mar. Altri due casinò a Necochea e Mar de Ajó chiuderanno nei prossimi mesi e una sala bingo programmata a Temperley non aprirà.


La Nacion ha citato Vidal che dice ai giornalisti che la sua amministrazione aveva mantenuto uno stretto controllo sul gioco d'azzardo durante i suoi primi due anni in carica. "Non sono state aggiunte altre macchine, non abbiamo aperto una singola agenzia di lotteria... Ora imiteremo ulteriormente il gioco".


Prima delle chiusure, c'erano 12 casinò e 46 sale bingo nella provincia. Due dei casinò hanno licenze che non scadono fino al 2019 e al 2021, lasciando sette casinò che saranno parte di una nuova gara d'appalto. Le parti interessate dovranno fare offerte per il diritto di operare su un numero massimo di 3.860 slot machine nella provincia in questi sette casinò. Quando si tratterà di giudicare i candidati, Vidal ha dichiarato che il 45 percento del punteggio dipenderà da quanto grande sarà il taglio delle entrate che l'aspirante operatore è disposto a condividere con la provincia.
 

I casinò di Buenos Aires sono tutti di proprietà del Governo, mentre le macchine in essi sono gestite da società private, che attualmente detengono il 40 percento dei profitti. Le macchine nei sette casinò che partecipano alla gara sono tutte gestite da Boldt SA. L'operatore spagnolo Codere, che gestisce molte sale bingo in Argentina, dovrebbe fare uno sforzo rilevante per vincere la concessione del casinò.
La provincia prevede inoltre di imporre un nuovo sistema di licenze che suddividerà questi sette casinò in "tre panieri" di due o tre casinò a testa, combinando i luoghi più economici e meno redditizi. Per allentare la paura che più chiusure saranno imminenti, le nuove concessioni di casinò avranno una durata di 20 anni.

Nel giustificare le chiusure dei casinò, Vidal ha affermato che il gioco non è riuscito a promuovere il turismo, sostenendo inoltre che "l'idea che limitare il gioco legale favorisca l'illegale è falsa... Si deve limitare il gioco legale e combattere l'illegale".
 

Buenos Aires, la provincia più popolosa del paese con circa 16 milioni di residenti, ha adottato una posizione anti-gioco d'azzardo più insistente di recente, incluso perseguire gli operatori di siti di gioco d'azzardo online non autorizzati, costringendo nel mentre i siti di scommesse online di altre province a bloccare gli scommettitori situati a Buenos Aires.
Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.