Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò e giochi, chi sale e chi scende a settembre

  • Scritto da Anna Maria Rengo

Gioconews.it analizza l'andamento delle quattro case da gioco il mese passato: segno positivo a Saint Vincent e Sanremo.

Casinò italiani spaccati in due, quanto a incassi, a settembre 2017. Per due di essi, infatti, si è trattato di un mese positivo, mentre gli altri due, peraltro quelli che hanno un fatturato maggiore, lo chiudono con il segno meno. Gioconews.it analizza i dati partendo, come di consueto, da quello che ha avuto l'andamento migliore.

QUI SAINT VINCENT – Non è la prima volta, in tempi recenti, che il Saint Vincent Resort & Casino occupa il primo gradino del podio, fortunatamente, almeno per ora, refrattario alle fortissime tensioni politiche che stanno caratterizzando la proprietà. La Casa da gioco valdostana chiude dunque settembre con 4.308.816 euro di incassi, il 9,01 percento in più rispetto all'anno passato, pure a fronte di un calo degli ingressi del 13,69 percento (27.182 unità). Il dettaglio dei giochi evidenzia l'ottima performance delle slot, che crescono del 10,06 percento (2.566.592 euro), e spicca anche la fair roulette: 455.859 euro incassati, ossia il 58,74 percento in più. La roulette francese regala invece grosse vincite e chiude settembre con un risultato negativo di 70.600 euro, ossia il 240,02 percento in meno. Incremento percentuale del 174,22 percento (22.256 euro), invece, per il trente et quarante, mentre lo chemin de fer si impenna del 198,28 percento, con incassi per 247.635 euro.
Grazie al risultato di settembre, gli incassi dei primi nove mesi dell'anno salgono a quota 42.768.636 euro, riducendo così la flessione al 2,22 percento rispetto all'analogo periodo del 2016. Se invece si considerano i dodici mesi non coincidenti con l'anno solare, il saldo è di 58.625.145 euro, il 5,91 percento in meno.

QUI SANREMO – Settembre positivo pure per il Casinò di Sanremo, che mette a segno un più 4,51 percento con i suoi 3.662.430 euro incassati. Gli ingressi sono invece in leggero calo: meno 1,56 percento, per un totale di 16.650 unità. Anche in questo caso, è da evidenziale la nuova performance delle slot machines, che incassano 2.919.791 euro, ossia il 2,88 percento in più. La roulette francese perde il 29,02 percento di incassi (pari a 247.805 euro) rispetto a settembre 2016, mentre la cugina fair è in positivo del 128,69 percento, con un totale di 132.263 euro. Da segnalare anche il boom del black jack, più 289,5 percento con 155.316 euro, mentre il punto banco, come del resto anche a Saint Vincent, è in tono minore e si ferma a quota 95.795 euro, il 4,15 percento in meno.
Grazie al positivo settembre, il contatore annuale degli incassi si attesta a quota
34.743.902 euro, lo 0,98 percento in più rispetto all'analogo periodo del 2016. Il Casinò di Sanremo è l'unico, al momento, ad avere un saldo annuale positivo. Nel periodo che va da ottobre 2016 a settembre 2017 la Casa da gioco matuziana ha invece incassato 45.307.736 euro, ossia l'1,15 percento in più.
 
QUI CAMPIONE – Terzo gradino del podio per il Casinò Campione d'Italia, che registra però a settembre, con i suoi 7.124.000 euro tondi incassati, un calo del 3,7 percento. Ancora più marcata, del 6,35 percento, la flessione degli ingressi, pari a 53.176. Contrariamente agli altri due casinò analizzati, le slot registrano un calo del 4 percento, e si attestano a quota 5.136.932 euro di incassi. Invece, altro dato in controtendenza, la roulette francese incassa 370.614 euro, il 52,23 percento in più, mentre la fair perde il 37,35 percento, con i suoi 262.326 euro di settembre. Bene invece il trente et quarante (182.566 euro) e anche lo chemin de fer (122.405 euro, il 91,62 percento in più).
Il risultato di settembre porta il saldo dei primi nove mesi 2017 degli incassi della Casa da gioco che si affaccia sul lago di Lugano a quota 67.460.612 euro, l'1,32 percento in meno rispetto al 2016. Il saldo dei dodici mesi immediatamente precedenti è invece di 91.918.021 euro, l'1,27 percento in meno.
 
QUI VENEZIA – Fuori dalla zona podio il Casinò di Venezia, i cui incassi mensili sono pari a settembre a 7.536.780 euro, ossia il 16,45 percento in meno rispetto a un anno fa. In decisa crescita invece le visite: 66.135 il totale, ossia il 7,5 percento in più. Le slot crescono dello 0,88 percento (4.184.905 euro), ma non riescono a bilanciare i risultati dei giochi tradizionali, alcuni dei quali sono in netto calo. La roulette francese per esempio chiude a 154.706 euro, l'82,23 percento in meno, mentre la variante fair, pur con i suoi 1.229.105 euro incassati, perde il 10,94 percento. Al totale complessivo contribuiscono anche i 488.115 euro dello chemin de fer, che è però in calo del 2,56 percento. Da evidenziare, invece, il buon risultato del poker caraibico, che incassa 132.235 euro (il 25,77 percento in più) e anche il segno positivo del black jack: più 30,75 percento, con incassi per 647.903 euro. Quanto al punto banco, sfiora i 700mila euro di incasso (699.809 per la precisione), ma è in calo del 53,97 percento.
Il risultato negativo di settembre porta a quota 66.672.870 euro il saldo dei primi nove mesi del 2017, registrando dunque una flessione del 7,52 percento rispetto a un anno fa. Nell'anno non solare il saldo è invece pari a 89.866.446 euro, il 5,42 percento in meno.
 
Share