Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Casinò e giochi, chi sale e chi scende a novembre 2016

  • Scritto da Amr

Gioconews.it analizza l'andamento delle quattro case da gioco nel mese trascorso: segno negativo per tutte quanto a incassi.


Novembre decisamente grigio per tutti e quattro i casinò italiani, che lo chiudono con incassi in calo rispetto allo stesso mese del 2015. Ma c'è chi andato meglio degli altri e come al solito l'analisi di Gioconews.it parte da quello che è riuscito a contenere di più le perdite.


CAMPIONE D'ITALIA – Il risultato migliore è ottenuto dal Casinò Campione d'Italia, che con i suoi 7.448.174 euro incassati chiude il mese con un segno negativo del 4,8 percento. Vanno bene la roulette francese (594.291 euro, il 70,55 percento in più), e anche il black jack (421.576 euro, addirittura l'827,72 percento in più), ma questi ottimi risultati attutiscono ma non annullano il calo che c'è invece stato alle slot (5.463.202 euro, il 4,97 percento in meno), oppure alla fair roulette (175.754 euro, il 19,9 percento in meno). Flettono pure gli ingressi, che sono pari a 53.735 unità, vale a dire il 4 percento in meno.


VENEZIA – Il Casinò di Venezia interrompe la serie positiva e chiude novembre con incassi pari a 7.211.594 euro, ossia l'8,3 percento in meno rispetto all'anno passato. Da segnalare, come dato positivo, l'ottimo andamento delle slot, che introitano 3.914.144 euro, ossia addirittura il 12,19 percento in più, ma i giochi lavorati sono, fatta eccezione per chemin de fer (494.760 euro, più 25, 19 pervento) e black jack (710.979 euro, più 38, 6 percento) in calo. Soffre la roulette, con il 44,12 percento di incassi in meno (700.528 euro a novembre) e anche la variante fair, con 1.060.701 euro (meno 29,6 percento), e c'è una battuta d'arresto anche per il punto banco, con 283.113 euro incassati, ossia il 51,13 percento in meno. Quanto agli ingressi, Venezia è l'unico casinò a chiudere novembre con un segno positivo: sono stati 59.922, il 7,33 percento in più.


SAINT VINCENT – Sul terzo gradino del podio, il Casinò di Saint Vincent, che chiude novembre con 4.727.688 euro di incassi, il 10,84 percento in meno. A parte l'ottimo andamento dello chemin de fer, con 139.380 euro (più 98,17 percento), della fair roulette (467.510 euro, più 15,54 percento) e del trente et quarante (117.469 euro, più 33,47 percento) e del poker non a torneo (165.199 euro, più 46, 53 percento), i segni sono negativi. Continua a calare la roulette francese (490.093 euro, meno 29,72 percento) e, in particolare, quelle che sono ovunque le regine degli incassi. Le slot incassano infatti 2.304.038 euro, il 9,34 percento in meno. Pure gli ingressi sono in calo e toccano quota 32.059 euro, vale a dire l'8,47 percento in meno.

SANREMO – Dopo un ottimo ottobre, che l'aveva visto sul primo gradino del podio, il Casinò di Sanremo scende al quarto posto, con i suoi 2.572.017 euro incassati, il 13,85 percento in meno. I segni sono quasi tutti negativi, fatta eccezione per il punto banco (169.620 euro, più 5,88 percento). Pesa, in particolare, il calo delle slot, con i loro 2.114.176 euro (meno 7,74 percento), ma anche quello delle roulette (175.940 euro, meno 37,64 percento) e il black jack chiude addirittura con una perdita di 10.790 euro, il 119,57 percento in meno rispetto a un novembre 2015 che era stato decisamente più favorevole per il banco. Quarto gradino del podio anche sul fronte ingressi: a novembre Sanremo ha registrato 12.708 unità, il 25,74 percento in meno.

IL PROGRESSIVO ANNUO – Nei primi undici mesi dell'anno quello che ha incassato di più è il Casinò di Venezia, con 88.207.220 euro. Segue Campione d'Italia, con 84.825.005 euro, e ancora Saint Vincent, con 53.366.760 euro, per terminare con Sanremo, 40.739.508 euro. Venezia è primo in classifica anche come variazione percentuale: il progressivo annuo è infatti pari a un bel 3,8 percento in più. Il Casinò Campione cala invece dell'1,37 percento, Sanremo resta sostanzialmente stabile, con la sua flessione dello 0,59 percento, mentre Saint Vincent è ultimo, con un segno pari a meno 7,16 percento.

Complessivamente, i quattro casinò hanno incassato 267.138.495 euro, vale a dire lo 0,85 percento in meno rispetto ai primi undici mesi del 2015. La possibilità di chiudere l'anno complessivamente in crescita, bissando dunque il risultato del 2015, si gioca tutta sui risultati di dicembre.
Share